Senza categoria

Sento le voci.

Accendo la radio e sento le voci, voci aliene che mi dicono cosa devo fare: dare fiducia a quello, votare quell’altro, difendere insieme i diritti delle donne, piazza d’armi che sprofonda, l’economia del poetto, Cagliari solidale, dove è nata l’Italia, viva Cagliari e viva l’Italia, abbasso le guerre imperialiste, e perfino uno che nello spot … Leggi tutto

Ho visto cose

Ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi…Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione…E ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser…E tutti quei… momenti andranno perduti nel tempo…Come… lacrime… nella pioggia…È tempo… di morire…  Ecco, io vorrei sopravvivere a queste elezioni comunali: non si … Leggi tutto

Senza categoria

Quando i treni arrivavano in orario

Sarò la solita comunista, anche se non ho capito bene che vuol dire, nell’Italia di oggi. Forse vedo complotti ovunque (anche se non sono il povero Silvio). Forse lavoro di fantasia, o forse no. Fatto sta che le due notizie di oggi– qui Italia e qui Sardegna– , apparentemente scollegate, a me fanno tanto pensare … Leggi tutto

Lo faccio per passione.

Il lavoro, che avevate capito? È il mio ex-lavoro, quasi un hobby ormai, e tragicamente la cosa che so fare meglio: è questo che facevo, ancora un pochino faccio, per passione. Scrivere, raccontare il mio punto di vista sul mondo (e, a periodi, sui libri, i film, gli eventi più vari, spesso anche le persone). … Leggi tutto

Se non ora, quando…piantarla con i luoghi comuni?

Sono convintissima, per una volta, di aderire a una manifestazione, il “Se non ora, quando?” del 13 febbraio ’11, perché sarebbe davvero ora di manifestare apertamente il proprio disgusto, e anche di verificare un attimino quante persone hanno voglia di partecipare. Però dopo aver letto e sentito alcune opinioni mi chiedo se valga la pena … Leggi tutto

Ma che c’azzecca Ruby con i dati Istat? ovvero, come s’attorciglia la mente radical chic

Tutti gli occhi della nazione puntati sui sollazzi senili del nonno bavoso e delle ragazzotte tanto ambiziose quanto “disposte a tutto” (cit.). Intanto, in Italia una donna su due non lavora e ha rinunciato a cercare una occupazione, ma la cosa pare secondaria per il presente e il futuro (per i media e l’opinione pubblica … Leggi tutto