E viva anche un grande classico come stare in ginocchio sui ceci, gli schiaffi sulla nuca (altrimenti detti “pappine”), fino al sapiente uso della cintura e del ceffone “a manu prena”, che dà una soddisfazione non indifferente. Tutti gli antichi rimedi, insomma, che venivano utilizzati da genitori-pedagoghi di qualche anno fa, giustamente criticati perché applicati su bambini resi isterici dai suddetti genitori, ma che –qui lo dico e qui lo confermo per i posteri– vorrei venissero ripristinati d’ufficio per i maleducati di oggi, di solito non appartenenti alla fascia d’età dell’infanzia, ma dall’adolescenza in su. La notizia dello sgarbo alla senatrice Montalcini (99 anni, ipovedente, sostenuta da una accompagnatore) al seggio elettorale (in quattro si sono rifiutati di farla passare avanti) mi fa venire una disperata nostalgia degli schiaffoni ai maleducati. Gli stessi che in pullman stanno stravaccati sul seggiolino mentre gli traballa davanti un anziano o una signora carica di buste della spesa, quelli che nei palazzi ti sbattono il portone in faccia, quelli che ti passano davanti in fila o quelli che aprono un dibattito a voce altissima sulle medesima fila e/o sugli impiegati. Ci metterei anche il non salutare il vicino e il mutismo rincagnato di certe persone in numerose occasioni conviviali, sintomo evidente del totale disinteresse per la compagnia (e allora perché non te ne sei rimasto a casa?).
Agli impiccioni, quelli che ti domandano cose che noi umani non possiamo neanche immaginare (ti sei fidanzato/laureato/sposato/separato, hai figli, perché no, quanto trombi?), riserverei la cara e sempre utile cinghia del bisnonno (dopo i ceffoni).

La maleducazione è un grave male della società contemporanea e soprattutto una cosa che fa girare vorticosamente le palle a una antiquata Regina come me, che alle buone maniere ci tiene parecchio. La cura, appunto, sarebbe bello poterla cominciare a suon di schiaffoni.

(la foto è di F.Sanna)

24 comments

Rispondi

oddio… preparami i ceci anche per me perchè una che ha solo da andare a votare in parlamento lautamente “pensionata” si può fare anche 2 minuti di fila dietro a noi comuni mortali che lavoriamo tutto il giorno per mantenerla…

Rispondi

* Gandalf, il punto non è “chi è” la signora in questione,nè quanto guadagna: semplicemente, se una persona è visibilmente anziana e affaticata (nonchè quasi cieca), ritengo corretto (nonchè educato, la gentilezza lasciamola stare) farla passare anche se si tratta di Jack lo Squartatore o della Sora Pina…

Rispondi

PAF PAF!

:p

Rispondi

Non ho niente da aggiungere: hai già detto tutto tu e l’hai detto benissimo!

Rispondi

Parliamoci chiaro, di solito tale maleducazione è genetica…

Rispondi

* Ross, altro che PAF…direi SBAM! 😉

* Ciao J., anche tu del Club Schiaffoni Forever? 🙂

*in che senso, Baol? che i maleducati andrebbero picchiati in culla o che anche se li picchi molto non serve a nulla? 😉

Rispondi

Io piango. Non per me, ma per tutti noi, quelli sani, che dicono ancora buongiorno alla barista la mattina davanti al caffè e si fermano alle striscie pedonali per fare attraversare. Povera Italia, una prece.

Rispondi

Siamo una nazione volgare, che ama gente volgare e vota gente volgare per farsi governare da gentaglia volgare. Li vogliamo e ce li meritiamo. Grazie Italia.

Rispondi

la sempre minore educazione della nostra e delle nuove generazioni ci affonderà…

i principi dove li abbiamo buttati?

Rispondi

Credo che oggi i santi ceffoni, quelli che come si dice da noi in Sicilia …. si danno a due a due fino a che diventano DISPARI…. non esistono più.. Metti che una persona di mezza età si permetta di reagire ad una maleducazione del genere, non è che viene aggredito da un paio di scagnozzetti di quartiere, e forse pure, ma piuttosto viene sommerso di critiche, polemiche e dissertazioni sul non è giusto non si fa…

L’italiano in se è maleducato…non possiamo farci nulla…

Buona notte Regina…

Rispondi

Più divento vecchia e più mi convinco che le sole parole non servono a nulla…vale per i cafonazzi e per la politica: stavolta chi ha filosofeggiato troppo è stato duramente punito, anche se rappresentava l’ultima spiaggia per gli aspiranti astensionisti (o ha fatto doventare astensionista chi non lo era) :-((

* Ciao l&f, mi associo alla prece….ma soltanto perchè è l’italiano che è fatto in un certo modo: in questo sono perfettamente d’accordo con * Kniedich.
Sia per la maleducazione (già che siamo qua,vogliamo parlare di chi mette l’indispensabile SUV usato per andare a comprare il prezzemolo nel parcheggio per disabili?), quanto per il tipo di valori da cui si fa attrarre…e allora non stupiamoci troppo se stavolta il responso delle urne è stato così chiaro e netto!

* Antò, mi spiace, la Sicilia è uno dei casi che mi ha scioccata, Lombardo che fa il doppio della Finocchiaro… 🙁

* Ciao Mat, l’educazione dovrebbero darla gli adulti, i quali forse i cosiddetti “principi” elementari se li sono dimenticati in favore della furbizia, l’aggressività, gli sgambetti, eccetera….

Rispondi

…Reggi, a proposito di schiaffoni, direi che ieri ne abbiamo preso un bel pò 🙁

Rispondi

Concordo, regina. E concordo pure con chi dice che siamo una nazione di maleducati 🙁

Rispondi

Contessina mia bella, non abbiamo preso schiaffoni, ma calci in faccia…. :-((

* ciao Ada, contro la maleducazione endemica purtroppo c’è ben poco da fare, se non mollare schiaffi (ma ti denunciano) o scappare a gambe levate prima possibile…

Rispondi

Concordo in pieno: certe volte gli schiaffoni servono, se non altro per far sì che i maleducati si sentano, almeno per un attimo, colti sul vivo…!

Rispondi

Ma chi se ne frega!!!Io sono sempre sorridente,educata e disponibile con il mio prossimo!A chi sgarra lo fulmino,o gli faccio uno dei miei rinomati auguri(che solitamente attaccano,ho prove e testimoni)o risp.come si merita!E continuo x la mia strada!Sò la gioia e la pulizia di coscienza che mi dà essere così,e che ricevo quando gli altri lo sono con me,dalla barista al fruttivendolo al ragazzetto sul bus.Moijito per tuttiiiiiiiii!!!!!

Rispondi

Madry, so che sembriamo delle vecchie zie acide, però è vero, ho visto e provato certi gesti di maleducazione che nemmeno un anno di pappine sarebbe servito..e qualche mese pure ai genitori..

Rispondi

mi piacerebbe sentire la versione dei fatti della gente che non l’ha fatta passare…
la gentilezza e l’educazione sono dovute e per me naturali, ma non di fronte all’arroganza…

Rispondi

immagino la fòlle e veemente arroganza di una quasi centenaria e quasi cieca, immagino la sua cruda propensione al turpiloquio sotto i bianchi capelli tendenti all’azzurrino, immagino la sua greve scudisciata di nerbo di bue – data, appunto, quasi alla cieca – sugli incolpevoli elettori in fila…quello ancora che non riesco ad immaginare con precisione è il limite a cui giungono certe stupidaggini che pure provengono da persone sagge d’una certa età..o 60gandalf, sinceramente ce la vedi davvero la Rita Levi Montalcini che si fa strada a sberle e scudisciate per evitare la fila ? Ma che stai a dì e che stai a pensà ? Non far offuscare la tua saggezza dalle opinioni politiche, prima e fondamentalmente si tratta di una persona anziana alla quale si deve rispetto per ciò stesso ;-))

No Blogger

Rispondi

La maleducazione causa acidità, cara Girà…e la cura è sognare gli schiaffoni educativi!
(…e dire che a me mi hanno anche picchiata pochissimo, forse mai.. ;-P )

* Gandalf, nel caso specifico mi pare improbabile l’arroganza, in ogni caso trattasi di persona anziana…io, ad esempio, cederei il posto a Berlusconi, che ha 40 anni più di me, se ne avesse bisogno 😉

* No-Blogger, d’accordo 🙂

Rispondi

ecco…mojitoooooooooooooo

Rispondi

ripeto… mi piacerebbe sapere entrambe le campane proprio perchè trovo impensabile che abbia trovato ben 4 elettori concordi nel non far passare una persona anziana

Rispondi

..anche a me pare proprio strano, ma – in ogni caso – mi pare ancora più strano che una quasi centenaria faccia la violenta arrogante..a meno che non si fosse ‘mbriacata con ‘sto mojito..ma mi pare davvero proprio improbabile, in genere imbecilli e arroganti si nasce, non si diventa…

No Blogger

Rispondi

Secondo me, dei 4 in fila era semplicemente un cafonazzo e qualcun altro magari pensava di praticare l’ “antipolitica” non facendo una cortesia a una vecchina…della serie “rispetta la fila a ogni costo, tiè!” ….boh!
(fatto sta che nei giorni scorsi ho bevuto un moijto buonissimo, talmente buono che il giorno dopo mi sono alzata col cranio che pulsava 😉

Rispondi