La canzone dei vecchi amanti, malinconica canzone di Jacques Brel, è appunto quella che è stata suonata al funerale del divino Yves Saint Laurent, svoltosi il 6 giugno.

Il compagno di una vita Pierre Bergè l’ha salutato così: «Ti ho molto amato e anche se non potrò più vederti coricare, non ti dimenticherò e verrò un giorno a cercarti nel nostro giardino», ha detto alludendo al luogo, a Marrakech, dove le ceneri dello stilista saranno sparse, un giardino che la coppia aveva acquistato tempo fa per scongiurare una speculazione immobiliare.

Ah, questi francesi: per fortuna, non solo il troll Sarkò e l’appendiabiti Brunì, ma anche una vecchia coppia (insieme da circa 50 anni) malinconica e innamorata. Chapeau!

(la foto è di F.Sanna)



Inoltre vi consiglio di leggere...

11 comments

Rispondi

chapeau 🙂

Rispondi

Che classe e che dolcezza.

Per fortuna anche noi italiani non siamo solo: quantossoricco-Briatore e quantossobona-Gregoraci…O_o

Rispondi

nessuno si permetta un commento, lasciamoli in pace…

No Blogger

Rispondi

Ovvero, l’eleganza di un sentimento sincero, chapeau:-)

Rispondi

Chapeu!
Però il Corriere potrebbe anche sforzarsi di tradurre un po’ meglio…”non potrò più vederti coricare” non si può sentire, e infatti nell’originale dovrebbe essere qualcosa come non vedremo più insieme il sole tramontare…..http://fr.wikipedia.org/wiki/Yves_Saint_Laurent

Rispondi

@ j.cole: più che quantossobona la gregoraci è quantossotroiaaa!
🙂

Rispondi

E’vero, la traduzione è orrida,”coricare” è davvero terribol…sicuramente Bergè è stato più elegante 🙂

* Mat,non è che la Grego è zccclll,questa è la solita visione maschilista… ;))
semplicemente, lei dà la gioventù e il fidanzato ci mette il lato economico!sennò che dobbiamo pensare, che quel volpone di Briatore s’è fatto infinocchiare come un novellino alle prime armi? ma dai….

Rispondi

..ah, l’esprit de finesse…

No Blogger

Rispondi

Ennesima riprova che l’amore – quello vero – non ha confini.

Rispondi

E vive l’amour!!!!!!!!
Anche io voglio un giardino dove spargere le ceneri dei miei amori!!!!

Rispondi

ah,bella idea quella di un giardino dove tumulare gli amori…perchè a volte anche i gesti simbolici servono (vedi cose tipo rogo delle lettere d’amore, dsitruzione degli abiti, rigatura della macchina…poi, certo, anche i discorsi col cuore in mano, eh)

😀

Rispondi