Lentissimamente si riprende la vita “normale”, con tutte le cose del caso.
Dunque, fuochi artificiali – o per meglio dire, artificiosi- di rassegnazione mista a contentezza per la ripresa delle attività cittadine?
Manco per sogno.
Quello, semmai, è Azzurro, il cui cavallo di battaglia è “…sono tranquillo”.
Beato lui. Dico soltanto che quando gli hanno chiesto come è andata questa estate lui ha risposto: “…diciamo che è stata indecifrabile”. Semmai, ho aggiunto io che in quanto ad acqua saponata nel cervello non sono da meno, è stata inevitabile.
Allora magari una funerea deprescion causata dalle giornate che si accorciano, indifferenti al regale bisogno di questa luce accecante?
Nemmeno.
Più che altro una certa noia serpeggiante, che si riflette anche sul blog. Abbiate pazienza, sto per cambiare di nuovo veste grafica, accessori, nella beata speranza che mi torni la voglia di perseguitarvi, o miei incolpevoli 5 lettori.

A risentirci su queste (o forse altre) frequenze.

8 comments

Rispondi

L’importante è che almeno qui siamo incolpevoli 🙂 almeno qui..

Rispondi

Sempre a cambiare stai 🙂

Rispondi

insomma, o reggyscazzata, ti sei inumidità di noia ;-))
No Blogger

Rispondi

Tempo di cambiamenti, eh? Ogni tanto ci vuole. 🙂
Un abbraccio mia Regina!

Rispondi

Regggy, so’ tornata pur’io on the road..però tutto ‘sto color mattone..posso dire che il verdolino speranza è più rilassante? L’ho detto:-))))

Rispondi

Sono tornato Regina! 🙂

Rispondi

Tempo di cambiamenti, sì..a tutti, bentornati :))

Rispondi

O Maestà, siete scontenta, ma io sono stato dieci giorni a Sa Pedra Ruia (frazione di Siniscola, NU)con puntate a Cala Ginepro e Cala Brandinchi, ho bevuto l’Ichnusa, ho mangiato sas seadas e sa coccoi prena, ho visto i fenicotteri, mi sono abbronzato tanto e son contento… Viva la Sardegna!

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.