Ma tu che lavoro fai?

A questo punto mi verrebbe da dire “faccio cose, vedo gente”: in realtà sull’ultima carta d’identità, risalente al 2009, ho fatto scrivere “casalinga”. E allora? Era il mio stato di quel momento, diverso da quello di prima e da quello che è venuto dopo, in un andamento altalenante che è tutto tranne che monotono, o … Leggi tutto

Piccole storie di architettura criminale

Quando piove lo skyline di questo quartiere è ancora più triste del solito: al grigio indeciso delle case si somma quello della pioggia e anche quella lettera “A” gigante sul tetto di un palazzo, più che un momento di esaltazione alfabetica per la promozione nella massima serie calcistica, fa malinconia.Ci ho fatto una breve passeggiata, … Leggi tutto

Senza categoria

Cronache di ordinaria inutilità (ovvero, meglio CSI di un qualsiasi Ballarò).

Il default si avvicina, nonostante i disperati equilibrismi di questo e di quello, e la ggente in fila per comprare l’I-Mink da 700, 800 euro e rotti che li illuda che tutto vada ancora bene (almeno per loro). I crolli della Borsa certificano in maniera evidente anche ai profani che c’è qualcosa che decisamente non … Leggi tutto

Senza categoria

Ultime dalla scienza.

Meno male che in questi tempi bui, di un nuovo Medioevo sociale e umano, di perdita delle speranze e di volgare attaccamento all’immagine, meno male dicevo, che almeno la scienza ci illumina d’immenso! Ecco la nuova ricerca che, in sprezzo del ridicolo globale, ha esaminato la frequenza di alcuni lavori rispetto ai mesi di nascita … Leggi tutto

Se a 35 anni non esisti più.

Hai 35 anni, poco più o poco meno? Allora sappi che sei potenzialmente finito: se perdi il lavoro non lo ritroverai, non parliamo nemmeno di chi lo sta ancora cercando. Prima di te ci sono gli stagisti, poi gli interinali, poi chi conosce più gente di te: e sono, scusate il linguaggio aulico, cazzi amari. … Leggi tutto

L’anatra zoppa. e i coccodrilli nelle fogne, le profezie del terremoto, i gatti neri, eja!

Pensierini del dopo-elezioni amministrative. Volevo elaborare una riflessione articolata, profonda, pregna (?) di idealismo ma anche di cinismo, realistica e intelligente, insomma da donna di mondo. Invece tutto quello che mi viene è un sentito “NEEH”! dal cuore, con tanto di gestaccio davanti ai manifesti elettorali di questo o quello (ma più di questo che … Leggi tutto