Senza categoria

Cronache di ordinaria inutilità (ovvero, meglio CSI di un qualsiasi Ballarò).

Il default si avvicina, nonostante i disperati equilibrismi di questo e di quello, e la ggente in fila per comprare l’I-Mink da 700, 800 euro e rotti che li illuda che tutto vada ancora bene (almeno per loro). I crolli della Borsa certificano in maniera evidente anche ai profani che c’è qualcosa che decisamente non … Leggi tutto

Senza categoria

Quando i treni arrivavano in orario

Sarò la solita comunista, anche se non ho capito bene che vuol dire, nell’Italia di oggi. Forse vedo complotti ovunque (anche se non sono il povero Silvio). Forse lavoro di fantasia, o forse no. Fatto sta che le due notizie di oggi– qui Italia e qui Sardegna– , apparentemente scollegate, a me fanno tanto pensare … Leggi tutto

Ma che c’azzecca Ruby con i dati Istat? ovvero, come s’attorciglia la mente radical chic

Tutti gli occhi della nazione puntati sui sollazzi senili del nonno bavoso e delle ragazzotte tanto ambiziose quanto “disposte a tutto” (cit.). Intanto, in Italia una donna su due non lavora e ha rinunciato a cercare una occupazione, ma la cosa pare secondaria per il presente e il futuro (per i media e l’opinione pubblica … Leggi tutto

Senza categoria

Cose che mai avrei pensato.

Allora: ci sono cose che mai avresti pensato di fare nella vita. Solidarizzare con la Carfagna, ad esempio. Ma non perché si è infilata in una lite da pollaio con quell’altro esempio di raffinatezza e grazia femminile che è la Mussolini, no, perché se una risponde, significa che è roba per lei; nemmeno perché una … Leggi tutto

I bambini mi irritano anche al ristorante * .

Ristoranti vietati ai bambini, come fossero animali (suppongo che l’origine di tale divieto sia igienica, ma i bambini, a differenza dei cani, hanno il pannolino, quindi una certa differenza mi sembra esserci). Voli aerei e hotel “no kids” in Germania, Spagna, Austria, perfino in Svezia, e almeno loro lo dicono chiaramente, che i bambini, nel … Leggi tutto

Disposta a tutto.

Così sono stata per molto tempo: convinta che accettare qualsiasi lavoro fosse la soluzione. Il movimento di questi ultimi giorni sul tema, con la campagna di affissioni e in Rete dei “Giovani disposti a tutto” rilancia il dramma di un (sotto)bosco di squali, squallidi furbastri, gente senza decenza che non si vergogna di nulla. Nella … Leggi tutto