Il lago velenoso.

Il lago velenoso, cercavo di spiegare ieri a Patata e SweetHoney (già noti come Iggy e Ozzy), non è, purtroppo, una fiaba della buonanotte di quelle terrificanti ma molto educative, in cui i bimbi vengono abbandonati nel bosco, minacciati dai lupi, ci sono matrigne perfide e principesse in coma da metanfetamine, altre che fanno la … Leggi tutto

Senza categoria

Il senso della relatività.

Tutto è relativo, e già questa è una affermazione di disarmante ovvietà. Per esempio, i titoloni e le polemiche sul calciatore che perde l’aereo dal Brasile, non fa in tempo ad arrivare all’allenamento e l’allenatore incazzoso s’incazza. Oppure un altro ometto, rappresentante dell’Italia (sigh!) che normalmente fa cucù, pss pss,corna e pernacchie, e fra un … Leggi tutto

La mia Sardegna è differente: selvaggia, nucleare, accogliente

“La Sardegna è l’area italiana migliore per la costruzione di centrali nucleari, perché è la più stabile dal punto di vista sismico”, ha riferito Enzo Boschi, presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) durante una audizione davanti alla commissione Territorio e ambiente del Senato. L’audizione è un momento nel quale il Parlamento comincia a … Leggi tutto

Senza categoria

Benedetta primavera.

E meno male che torneraiii, come cantava Loretta Goggi (eh sì, ho insospettabili canzoni del cuore, io). Però sei bella e benedetta, cara primavera, perché anche se le giornate sono difficili, noiose, troppo piene di pensieri e parole, almeno c’è il sole o una sua promessa. Oggi, ad esempio, ancora piovicchia un pochino, ma la … Leggi tutto

Cosa facevi durante il nubifragio?

Brutte notizie dalla Sardegna, che sempre di più assomiglia a una terra tropicale: ieri in circa tre ore si è scatenata l’Apocalisse. Cosa stavamo facendo mentre veniva giù il diluvio? Io, ad esempio, percorrevo in macchina la strada che da casa mia arriva al centro di Cagliari. Ci ho messo mezz’ora buona, sotto una pioggia … Leggi tutto

La valigia della Regina

Vado via qualche giorno. Nel mio eremo con vista sul mare cercherò di spegnere il cervellino verde fritto, mi dedicherò (spero) a passeggiate sotto il sole cocente, quelle che ti lasciano meravigliosamente spossata mentre guadagni faticosamente la via di casa, carica come sei di seggiolina, ombrellino rosa (noblesse oblige), borsa enorme in tinta con il … Leggi tutto