Franco Califano: un uomo, un mito, un lifting uscito male.
Anche, volendo, uno scrittore: Calisutra il titolo dell’autobiografia. Perfino un pensatore-opinionista, con idee originali tipo: «…Eppoi, diciamolo sinceri, una donna, anche la più raffinata e delicata d’animo, quando è il momento giusto vuole sentirsi presa e ingrop… come un animale».

Ora, di solito io adoro gli uomini, anche quando sono in vistosa andropausa come Califano e degli ingroppamenti devono necessariamente avere solo un lontano ricordo. Nel suo caso mi fa ovviamente tenerezza, sono le ultime braci (manco gli ultimi fuochi) di quella che deve essere stata una vita nella quale davvero, a parte l’ingroppo, tutto il resto è stato noia.
Però, Franco, da quel dì che le donne si sono liberate dall’idea del solo fiore-cuore-amore (in quest’ordine): perfino tu ti spaventeresti a sentire certi discorsi fra ragazze (e il paragone scontato di Sex & the City è fin troppo fighetto), perciò che bisogno c’è di usare certe volgarità?

Al massimo fanno ridere, e lo sappiamo bene che in certi contesti la risata è nemica dell’ingroppo, soprattutto quando il partner, anche negli anni d’oro, ha sempre avuto una certa somiglianza con la mummia Otzi….

Inoltre vi consiglio di leggere...

8 comments

Rispondi

Povero tenero, vecchio, viscido, rimbambito Califano.
Le ragazzine d’oggi se lo rivoltano come un calzino O_o

Rispondi

Ah, come sono spiritosi questi arzilli ometti che hanno raggiunto la pace dei sensi.. Tu li immagini a giocare con i nipotini al parco e loro pensano a ingropparsi la baby sitter, “meravogliosi”!

Rispondi

…che cattiveria, con un nonnetto che ha qualche vago ricordo che ogni tanto emerge dal magma dell’oblio 🙂

No Blogger

Rispondi

Bhè, in tutta onestà io credo che il califfo esprima in modo sguaiato e volgarotto un concetto che comunque non è del tutto sbagliato. Del resto penso che un pò di sesso sfrenato piaccia un pò a tutti, no? Il califfo è pecoreccio.. ma suvvia qualche desiderio felicemente sporcaccione l’abbiamo tutti

Rispondi

Ma certo che il desiderio felicemente sporcaccione ce l’abbiamo tutti, è segno di salute mentale e fisica… 🙂
appunto per questo, sarebbe opportuno evitare le volgarità inutili (e patetiche in bocca a un uomo di 8000 anni), soprattutto di questi tempi io ci andrei cauta nel paragonare la donna a un animale….

Rispondi

Mi sembra il perfetto intellettuale organico ai potenti di oggi. Potenti, parola grossa, ma ci siamo capiti…ecco l’egemonia culturale dove è finita.

Rispondi

Vabbè….il califfo si sa che ha il tatto di un elefante in una cristalleria O_____o

Un bacio Regina

Rispondi

Che idiota rinco che è…non c’è di peggio che certi uomini ancorati al loro passato che non esiste più!
E’, direi quasi, miserabile!

Rispondi