Il cuore è un cosetto così misterioso. Fa rima con amore, ma anche con dolore. A volte, va a braccetto anche con il lavoro, quella cosa che rende schiavi ma anche liberi, sicuri ma anche oppressi, che insomma come tutte le componenti della vita reale è un po’ sempre “ma anche” un’altra cosa.

Oliviero B., 63 anni, residente a Milano, scrive così nel suo biglietto d’addio compilato prima di gettarsi dal terrazzo dello stabile in cui abitava: “Dalle visite avrei il cuore di un ventenne, se possibile donatelo, ma non credo che lo sia”. Divorziato con figlio a carico, era stato recentemente licenziato, e forse è stata questa la fatale goccia che fa traboccare un vaso già pieno. O un cuore stanco.

“Ma anche” il solito, maledetto lavoro di cui, evidentemente, si muore anche senza cadere in una cisterna o da un’impalcatura, semplicemente perché c’è e non c’è, improvvisamente si perde, non c’è possibilità di ritrovarlo, e la vita si incanala in un percorso senza uscita nel quale o aspetti senza sapere bene cosa e quando, o ti avvii verso scelte insondabili.

Oliviero lascia scritto di voler donare il cuore, un ultimo gesto di altruismo e utilità per gli altri, e allo stesso tempo dubita che sia possibile: forse perché già troppo ammaccato?

Ah, il cuore: non solo, ma anche, l’organo del corpo umano “… posto nella cavità toracica, più precisamente nel Mediastino medio , costituito pressoché esclusivamente da tessuto muscolare striato, supportato da una struttura fibrosa detta pericardio. Il cuore è l’organo centrale dell’apparato circolatorio; funge da pompa capace di produrre una pressione sufficiente a permettere la circolazione del sangue. Secondo una credenza popolare il cuore non è soltanto un organo che costituisce il centro del motore dell’apparato circolatorio, ma anche il primum movens della vita spirituale ed affettiva”. (Da Wikipedia, come la foto).

Inoltre vi consiglio di leggere...

4 comments

Rispondi

Il cuore…

Un abbraccio forte, di cuore

Rispondi

Se c'è un pò di forza in questo cuore.. se c'è ina qualche modo u pò di residua voglia di lottare e cambiare questo schifo.. allora spero sto cuore possa andare ad una persona che ne ha bisogno, affinchè possa ritornare alla vita che attende di vivere da chissà quanto tempo. Spero possa andare ad una persona che ne farà buon uso.

Rispondi

Ma anche si spera che 'sto cuore aiuti sempre a trovare la forza di resistere e uscire dai tunnel 🙂

Rispondi

* altrettanto, Baol 🙂
* Antonio, anche io spero che il cuore di Oliviero, che stavolta non ha resistito, possa essere "utile" ancora…
* Giraffa, resistere siempre 🙂

Rispondi