Eppure. Eppure sono sicura che ogni giorno ci si presentano dei piccoli segni, apparentemente scollegati fra loro, in realtà ci conducono verso lo stesso obiettivo, la stessa conclusione, proprio quella riflessione. Sono altrettanto convinta che, in mancanza di adeguato istinto o senso del mistero, la maggior parte di essi ci sfugga, e nella fretta e superficialità – indotte dalla frenesia dei giorni, dalla necessità di fare sempre altro dall’ascoltarci, guardarci dentro, anche accerchiando noi stessi se necessario- ci dimentichiamo di loro. Negli ultimi giorni, mi sono accadute delle cose che forse hanno un senso globale, o forse no, ma in ogni caso hanno provocato in me delle reazioni anche inaspettate, come un cortocircuito che non ti aspetti, perché ti sei dimenticato com’è.
Una cara amica mi ha fatto un discorso di rara saggezza sui percorsi da compiere, sulle sensazioni da vivere, sulla vita che sfugge se ci concentriamo per troppo tempo sul lavoro, anche se l’abbiamo a lungo desiderato, anche se lo sappiamo fare bene. Intanto però il tempo passa, e la solitudine è sempre più una amica ingombrante di cui cominceresti volentieri a fare a meno.
Il giorno dopo ho letto in un fiato un libro bello che consiglio a tutti: si tratta di Mal di pietre di Milena Agus, per la quale giustamente si grida alla scoperta letteraria. Deliziosa ratatouille di sentimenti, semplice nella scrittura ma molto, molto evocativa nel raccontare la storia di una donna che cerca solo l’amore, quello che porta via la testa e il corpo, e nel frattempo vive una vita erotica molto intensa: scene molto vivide, sempre alla ricerca di quel sentimento “che strappa i capelli”.
Stasera, invece, uno splendido quarantenne (mi sarò guadagnata almeno un aperitivo?) mi ha parlato per una buona mezzora dell’amore: quelli che ha avuto e soprattutto quello che vorrebbe, la perfezione del sentimento che cerca, in un tenero scoprirsi che mai diresti, che molto ha a che vedere con la capacità di amare.

(superfluo dire che la vostra Regina si è molto intenerita e si è poi incamminata sulla via di casa sorridendo)

Qualche minuto dopo, il cortocircuito: tornata a casa, avevo un tremendo desiderio di Azzurro, che però è a Milano. Non si deve fraintendere: il bisogno in questione ha poco di romantico e parecchio di carnale, come fortunatamente (fortunosamente?) accade anche alle coppie di lunga data. Perciò, mentre aspetto il mio principe azzurrognolo con l’acquolina in bocca, ho un po’ di tempo per riflettere sui collegamenti fra questi episodi, uniti dal comune filo rosso passione dell’amore, questo (s)conosciuto.

11 comments

Rispondi

Credo che si è assolutamente parte di un disegno prestabilito.. sensazioni, segnali apparentemente sconnessi fra loro, sono invece la strada sulla quale segnare il nostro cammino… nulla è casuale, basterebbe solo ascoltarci un pò di più… certo non siamo proprio dei pagliacci con i fili tenuti da mani sapienti… ma quasi quasi …

Rispondi

Cara Regina,la tua sensibilità è pari alla saggezza delle tue parole…non è difficile anzi è sempre un piacere confrontarsi con te e chiaramente esprimere tutte le diverse sensazioni che ci attanagliano il cuore e costanti pensieri che indeboliscono il fisico…ma sono dei sani segnali su cui dobbiamo riflettere e ringrazio di poterlo fare con te, o soave regina!!!

Rispondi

Magna sovrana, e mi dite poi voi che non ha dovervi chiamare “luminescente”.. ebbene si.. luminiscente voi siete, lo ribadisco.. adorabile lampadina di quanto in ognuno di noi scorre, ma pochi o nessuno hanno pensieri in testa adatti a tradurlo in righe. come dice ulisse a nausicaa “3 volte benedetto tuo padre, 3 volte benedetti i tuoi fratelli, ma soprattutto 3 volte benedetta voi”.

Rispondi

“J’accuse” chi consapevole dei segni di cui parli…non rallenta un pò per coglierli tutti…

Rispondi

Il fatto è che i segnali spesso sembrano completamente disconnessi fra loro…ma nel caso specifico,portano tutti in una direzione, quella dell’Amore con la A maiuscola, che è cosa meno romantica e sdolcinata di quanto non si pensi..sembra avere più a che fare con pensieri, parole,dolori,contorcimenti di viscere, angosce e memorabilia vario
Io non so ancora, *k., se siamo davvero ingranaggi di un disegno…a volte sarebbe consolante pensarlo!

* Cara maga, grazie per i tuoi complimenti, il fatto è che mi piace ascoltare, almeno quanto parlare e scrivere 😉

*Antonio, che dire? grazie! mi piace essere una lampadina e mi piace essere luminescente…questo non me l’aveva mai detto nessuno 🙂

* Ciao nonanana :-), il difficile è proprio rallentare..io stessa vorrei farlo un pò di più, ma…

Rispondi

Coraggio mia regina, Azzurro tornerà e la nottesarà nuovamente vostra complice… uhm… a proposito… scusi mi diletta regina, devo andare 😉

Rispondi

Posso dire una cosa scontatissima:

L’amore è una cosa meravigliosa!

😀

Rispondi

E il sesso allora???Regina Madry,che uomo fortunato è il tuo Azzurro 🙂

Rispondi

Perdersi un pò…e poi ritrovarsi…Certe volte ci si perde “l’essenza” delle cose mascherando tutto sotto strati di impegni, se pur edificanti. Mi identifico in quanto hai scritto. Pensavo di avere tutto sotto controllo, tutto che si incastra alla perfezione o quasi e poi eccola la chiave di tutto: non lui (che amo) ma NOI. Io + lui. Insieme. Allora le cose, le persone, il tempo assumono un altro sapore. Il sapore di te realizzata e di te realizzata con lui, affianco a lui, per lui, dentro di lui.

Rispondi

I segni intanto si moltiplicano..e quando si è ubriachi d’amore (ma è più lo stordimento fisico che fa quest’effetto), anche il giorno appartiene agli amanti…nel senso che si va in giro svagati, con una canzone sempre nella testa, e talvolta-vi è mai capitato?- si vede perfino il volto amato in mezzo alla gente, o si crede di vederlo!Altri segni, ripeto, che portano chissà dove…bisogna prendersi un pò di tempo per riflettere, come dice anche Giulianissima!
Mastermax,apprezzo la notte ma anche il giorno, in determinate condizioni :-))
Baol, ovviamente sì, però, come dice l’Anonimo, pure il sesso non è uno scherzo (e quanto alla fortuna di Azzurro, grazie per il complimento…),

Rispondi

ciao, complimti per il blog, vorrei fare uno scambio link:

http://gianluca-revolution.blogspot.com

Rispondi