AGGIORNAMENTO: commenti a questo post e una recensione al blog Madrigopolis sul blog del Circolo Giustizia e Libertà di Sassari

Ma che fine sociologo, psicologo, giovanologo è il ministro Padoa Schioppa: per lui i ragazzi che non escono di casa e non si “affrancano dalle sottane della mamma” sono dei bamboccioni che ora verranno spronati dai mirabolanti incentivi agli affitti voluti dal Governo. Trattasi di cifra oscillante fra i 495,8 euro in tre anni se il reddito complessivo supera i 15.493,71 euro ma non i 30.987,41 euro, e i 991,6 euro (sempre in tre anni) se il reddito non supera i 15.493,71 euro. Qualcuno mi dica per favore che almeno la cifra è annua, e non va divisa per 36 mesi. Qualcuno me lo dica. «Incentiviamo a uscire di casa i giovani che restano con i genitori, non si sposano e non diventano autonomi. È un’idea importante». Però. E pensare che il sogno di tutti sarebbe invece quello di stare a casa con i genitori per sempre, non avere mai uno spazio proprio, non mettere mai su famiglia oppure farlo in coabitazione con i suoceri!
Ora, a parte che se per un affitto mi chiedono un minimo di 500 euro per un monolocale (a Cagliari, mica a Roma o a Torino o su Marte dove pare abitare il ministro), non oso immaginare quanto mi costerebbe un bivano o un trivano per la famiglia, questa sconosciuta; a parte che lo stesso meccanismo fa sì che a parità di emorragia economica mensile mi convenga piuttosto stipulare un mutuo, sempre che la mia banca me lo conceda e io sia così pazzo da volerlo fare; a parte tutto ciò, forse il ministro, che è un esperto della materia e dei numeri capisce certo più di me, vorrà spiegare, con quel suo consueto aplomb britannico insolitamente incrinato dall’ improvviso raptus fustigatore dei mammoni, come si fa a pagare un affitto e contemporaneamente a sopravvivere con lo stipendio, che so, del lavoratore stagionale, di quello entrato in mobilità o del giornalista precario. Noi under e pure over 30 bambocciosamente attendiamo risposta.

(la foto è di F.Sanna)

10 comments

Rispondi

Regina…ma perche non gli stampi un bel sigillo di bronzo in fronte a questo lurido e insulso ministrello????

rendi giustizia a tutti.
mammoni e non.

sono a bocca aperta…mha!

Rispondi

Anch’io sono a bocca aperta..pronta a sbranare il ministro!!!! Timbuctu, arrivooooooooo

Rispondi

Onesta Sovrana, ordunque mi trovo ad esser un feudatari bamboccione pur io.. Ben gantile ministro.. ben gentile.. ho anche la febbre.. non ho la forza di dire a codesto signorotto cosa penso di lui e cosa di tutti i suoi accoliti.. se almeno fossero berlusconesi ci sarebbe da tirar fuori lo spirito sinistroso.. ed invece no… son pure dei nostri..ufff.. non se ne può più… basta…
cordiali saluti dal vostro feudatario al secondo giorno di influenza

Rispondi

Dobbiamo armarci di sano realismo, amici: e comunque ci sarà la vostra Regina a ricordarvi che la settimana prossima è la settimana dedicata a San Precario…

* Mimmo, il nostro sigillo è la croce sulla scheda elettorale…

* Giraffetta, a Timbuctu ci manderei lui…pensiamoci!

* Antonio, mi raccomando vacci giù pesante con i brodini caldi anche se ci sono 25 gradi…anche se forse è meglio la febbre, stordisce e non fa pensare a bamboccioni, precariato, errori di voto… 🙁

Rispondi

Mimmo…grande la tua definizione…mi fa morir dal ridere….:):)

Regina, purtroppo questa è l’italia dei balocchi, e noi siamo tanti poveri pinocchi a cui stanno per crescere le orecchie da asini… non c’è più un freno alle boiate che escono dal parlamento… parole buttate al vento che esseri ignobili pronunciano giornalmente per cacciare voti. C’è solo da trattare la politica italiana come un grande enorme fumetto da leggere per rilassarsi… e non prenderla mai sul serio… non ne vale più la pena..

Rispondi

Toc Toc, è permesso? Che il problema economico esista è indubbio, è vero anche che la nostra indole ci trattiene in casa molto spesso per motivi di scarsa attitudine all’indipendenza e alle “fatiche” che una vita lontana dalla mamma comunque comporta. Gli incentivi sono pochi ma non credo sia solo quello il problema: abbassare gli affitti (anche per le famiglie) dovrebbe essere una priorità. Ciao.

Rispondi

Io sono uno dei bamboccioni…per quanto riguarda me…mi sa che ha ragione…per quanto riguarda il resto degli italiani forse un po’ meno 🙁

Però con la sua uscita sulle tasse per me ha riguadagnato punti: io la penso come lui (lo so che sembra strano)

Rispondi

il bello del Tommaso è che una ne dice, e cento ne conserva per i giorni successivi 🙂 :

* Kniedich, hai ragione, meglio sarebbe non prendersela più così tanto: però a volte è proprio impossibile 🙁

* L&F, benevenuto/a 🙂 : sono d’accorod, il problema è ben più grave e il ministro avrebbe potuto sollevare il problema con una prospettiva più ampia, così ha dimostrato solo di essere avulso dalla realtà!

* Ciao Baol, davvero sei un pò bambocc? 😉 sulle tasse sono d’accordo anche io, peccato che non ci siano i servizi che corrispondono alla massacrante aliquota italiana…per pagare così o quasi, Svezia aspettami!!!

Rispondi

Tutti questi simpatici ministri li deporterei…nella vita reale!
Ma forse è vero,sono lì x fare solo i loro comodi conditi di privilegi e intrattenerci!Riderci su sarebbe l’ideale,peccato che si parla del nostro fututo e del nostro paese!Un paese di”mammoni doc”. :/

Rispondi

ciao Crazy M., il bello è che il ministro, con un volgare commento, è riuscito a sviare l’attenzione dal problema reale, quello dei 30-40 enni italiani che stanno in casa anche potendosene andare…esistono, ed esisterebbero anche se gli sgravi non fossero l’insulto che sono ma facessero davvero la differenza! 🙁

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.