Accade puntualmente, con quei corsi e ricorsi che solo una civiltà arretrata può garantirci: a una donna viene augurato lo stupro, in questo caso perché ha fatto il suo lavoro (la giornalista). E’ accaduto a Cagliari in occasione della manifestazione (sic!) dei simpatizzanti di Salvini. E, sì: esistono leghisti anche in Sardegna, e questo diventerà presto oggetto di studio, credo.

Alla giornalista Francesca Mulas augurano che “un maomettano la violenti”, e recentemente  un’altra è stata disegnata rozzamente in una vignetta affissa in un comune, un’altra ancora definita “burattina” (qui un rapido sunto). Ovviamente,  e per fortuna, la reazione generale è stata di sdegno e solidarietà non solo da parte dei colleghi della stampa ma in generale di chi è venuto a conoscenza degli episodi. 
Io credo che queste ragazze, che io stimo, continueranno serenamente a fare il loro lavoro, la mia preoccupazione è che episodi come questo vengano sottovalutati, mentre fanno parte di uno scenario più ampio.

  

Un cocktail micidiale quello delle colleghe: ancora oggi essere donna e giornalista (in quest’ordine) risulta insopportabile per la mente  maschilista (non maschile: non comincino ad agitarsi tutti i lettori uomini).

E’ un fatto politico, nel senso di praticare un’aggressione verso chi manifesta o in qualche modo ostacola certe manovre? Certo, ma non solo. E’ un atteggiamento tipico ed esclusivo di una sola parte politica? Direi proprio di no, essendo scolpito nella mia mente a lettere di fuoco quell’altro che augurò lo stupro all’atleta russa che manifestava idee politiche diverse dalle sue (e dalle mie, per inciso).

In tutti i casi, non mi risulta ci siano state conseguenze, e questo è uno di quei motivi per cui rimpiango di non vivere negli USA, dove la continenza anche verbale è considerata strategica e per molto, molto meno le carriere politiche finiscono (e non bene).

E’, indubbiamente, un meccanismo maschilista, come sempre a metà fra i problemi esistenziali e quelli dell’immaginario sessuale, e come tale trasversale.  E’ un problema solo maschile? Ehm, no: basta fare un giro, se ne si ha tempo e stomaco, su alcuni angoli “social” in cui ci sono uomini che (pubblicamente) utilizzano espressioni come “scopare a sangue”, e donne che (pubblicamente) li apprezzano.

Viviamo in una società che fa della sessualità un’arma di offesa, dell’immagine femminile uno stereotipo, e questo spiega l’irritazione di chi si trova davanti una donna che fa la giornalista invece di stare a casa a fare la calza, per esempio.  Vale per tutte coloro che dispongono della propria vita e del proprio corpo come meglio credono o vorrebbero farlo, che si scelgono un lavoro “inconsueto” o non perfettamente allineato, che vivono con libertà la sessualità. 

Bisogna difenderle e in questo modo difendere la nostra evoluzione civile, continuare a farlo anche in direzione ostinata e contraria. 
Ma soprattutto bisogna puntare sulle nuove generazioni, chè le vecchie sono andate: sono valori talmente profondi, quelli del rispetto e della parità tra le persone, nonché di un corretto approccio a tutte le sfumature dell’esistenza, che ci vuole una vita intera per innestarle dentro di sé.  Per tutto il resto ci vorrebbero legioni di psichiatri.

2 comments

Rispondi

Ti ringrazio per le tue parole, cara Madry. I social network stanno diventando vetrina libera e accessibile di esaltati violenti e volgari, dove ognuno può dire quello che gli passa per la testa. Però la reazione a tutto questo, nel mio caso, in quello di Sara e in tutti gli altri episodi di aggressione sessista, fa credere che l'attenzione sia alta e le coscienze vigili. Per tutto il resto esiste la denuncia 🙂

Rispondi

Cara Francesca, è vero che i social forniscono possibilità inquietanti agli esaltati. Noto però una crescente consapevolezza dei meccanismi della Rete. O è una mia pia illusione? 😉
Buon lavoro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *