Era un periodo di grandi riflessioni per Accozzolo, l’ottavo nanetto discendente dal casato di Accozzonia, conosciuto in tutto il Fantabosco perché aveva, unico fra i suoi simili, un lavoro stabile nella P.A.N. (Pubblica Amministrazione Nanettolosa), ottenuto per concorso pubblico, al quale aveva partecipato soltanto lui, causa bando pubblicato nella C.U(Corteccia Ufficiale) misteriosamente soltanto due giorni prima della scadenza.

Ma tant’è: Accozzolo, in fondo, era un bravo nanetto che semplicemente viveva in un mondo di fiaba rispetto agli amici del Fantabosco, e non era cattivo cattivo né supponente come i suoi amici Rolexolo, Hoganolo, Vuittona, soltanto, come dire, un po’ ingenuo.

L’incontro con la nanetta Interessantola, la nanetta (precaria) dal Curriculum Vitae più interessante del Bosco conosciuto, aveva dischiuso un mondo di emozioni e di esperienze nuove, in cui per la prima volta il candido nanetto intravedeva che un’altra vita è possibile, anzi probabile. L’aveva già intuito frequentando il suo amico Sfigattolo, che lottava contro i tentativi della sua azienda di Information Nanettology di esternalizzarlo a un ettaro da lì e perdipiù con un contratto di soli 10 mesi (che confrontati alla vita media dei nanetti sono proprio come una goccia di rugiada sulle foglie del proprio albero).

Accozzolo, che da qualche tempo aveva, e considerava naturale averli, tredicesima e quattordicesima (puntualmente Sfigattolo gli chiedeva cos’erano queste misteriose entità, forse un nuovo tipo di ghianda?), scoprì presto che vi erano altre sfumature nanettologiche di vita: ad esempio, che è possibile non sapere se fra qualche mese potrai ancora pagare l’affitto del tuo funghetto con cucinotto abitabile, se prima sei riuscito ad andarci, in affitto; che ai colloqui di lavoro che il tuo bellissimo CV ti procura ti viene chiesto se “per caso” vuoi formarti una famiglia nanetta(come se farlo fosse facile, pensava Interessantola, che cominciava malinconicamente a sentire l’orologio nanettologico ticchettare e non aveva neanche un fidanzato nel Fantabosco), ecc.
Accozzolo conobbe Interessantola in un momento un po’ delicato della sua vita, in cui lei cominciava a studiare per un concorso della P.A.N. di cui aveva letto per caso sul giornale che di solito utilizzava per incartare il pesce (i giornali non avevano una particolare qualità di lettura nel Fantabosco) e lui, appunto, a riflettere sulla incredibile complessità della vita, che, intuiva, andava al di là della vacanza all inclusive che stavano progettando Smartolo e Hoganolo dall’altra parte del Fantabosco, dove il sole batteva tutto l’anno e c’erano tante nanette in bikini con le quali bere cocktail alla frutta sotto un ombrellone.

La nanomamma di Accozzolo era un po’ preoccupata per questa vacanza: cosa avrebbe mangiato il suo cucciolo, sarebbe stato attento alle punture delle zanzare, chissà che gente avrebbe conosciuto…meno male che “il mio bambino” (lo chiamava così, e Accozzolo un pò gongolava) almeno aveva il suo lavoro, per quanto fosse così pesante, 2 ore nette al giorno e il resto a sbrigarle le commissioni in Posta e a cercarle su Nano-Bay gli esemplari di statuine di Capodimonte che le mancavano.
Intanto Accozzolo, colpito al cuore dall’incontro con Interessantola, fece di tutto per conoscerla e infatti la conobbe: gliela presentò proprio l’amico Sfigattolo, e subito si piacquero. Mancavano poche settimane al concorso di lei e al viaggio di lui….

Inoltre vi consiglio di leggere...

8 comments

Rispondi

Questa storia diventa sempre più avvincente!

Seeeeeenti ma, per caso, non è possibile far apparire nel fatabosco un mago baol che bastona Rolexolo, Hoganolo, Vuittona e Smartolo, così, per puro piacere? 😀

Rispondi

Ha un non so che di politico questo post… riconosco alcuni personaggi del fantabosco.. mi sembra tu abbia preso spunto dalla fantaitalia.. attenta o qualcuno potrebbe chiederti i diritti d’autore, nella fantaitalia tutto è possibile…

Rispondi

secondo me presto arriverà un personaggio nuovo e rompiballe..

regy, mi prometti di chiamarlo Coglionzolo nel caso?

Rispondi

Ma vissero felici e contenti?
Aspettiamo con ansia di saperlo…anche se ha un che di thriller, questa storia..

Rispondi

Interessantola…e la sua amica Praticantola.
Ah, povere nanettole…!

^_^

Ciao Regina!

PìEss: il mago Baol in versione “master & slave” mi farà venire gli incubi notturni… O_o

Rispondi

Prima o poi, vi anticipo,sarà necessario introdurre un elemento di amore-sesso… 🙂
* Uhm, Baol, ci penserò…certo la mia indole buona non è incline al sadismo “tanto per”…

* Ciao K!, sarebbe fantastico se mi chiedessero i diritti d’autore…chi poi, mezza Italia?! 😀

* Ciao Mat, il nomignolo Coglionzolo mi piace! 🙂

* Ada, sei un’ottimista tu, eh?… 🙂

* ciao Avv., interessante il punto di vista sul mago Baol… 😀

Rispondi

Storia di una biosfigatola.
giovedì giunge al celluloso una telefonata molto fiabesca:finalmente un fantalaboratorio di analisi di una bidda di fantaitalia invita la fantabiologa ad un colloquio.Già al telefono il Direttore del fantalaboratorio prometteva(senza conoscere la fantabiologa di persona,ma solo grazie alla presentazione del suo CV da parte di un suo collaboratore)un contratto come libero professionista e grandi progetti lavorativi:”deve lasciare il suo co.co.pro. iscriversi all’ordine dei fantabiologi e aprirsi partita iva;deve inizare SUBITO”.
la fantabiologa non credette alle sue orecchie.finalmente dopo anni di lavoro gratis pensò fosse arrivata un po’ di fortuna.
Arriva lunedì, il giorno del fantacolloquio:la fantabiologa accompagnata da adrenalina persistente,si veste bene, si trucca, e durante il giorno ripassa anche le fantametodiche per non essere impreparata.
Arriva in anticipo di mezzora e aspetta davanti alla porta del regno.
Armato di cappellino e valigia arriva il fantadirettore, che indica la strada per l’ufficio alla fantabiologa, ma senza presentarsi, senza stretta di mano e soprattutto senza accompagnarla nella stanza!!!
Meno male la fantabiologa non si perse,anche se un po’ spaesata!
arriva il fantadirettore e dice:”vediamo di conoscerla per un FUTURO INSERIMENTO NEL NOSTRO LABORATORIO.l’abbiamo voluta conoscere per fare un “favore” al nostro collaboratore.
ci serve una persona che lavori per noi per un’ORA AL GIORNO!”
IL fantadirettore chiede alla fanciulla di parlargli delle sue esperienze lavorative, e poi le dice:”grazie, i suoi contatti li abbiamo ma lei non è la persona che cercavamo!”
La fantabiologa illusa se ne andò.

commento:ma non era già tutto fatto al telefono senza nemmeno conoscere la fanciulla di persona?
come mai questo cambiamento a cavallo di un w.end?
come mai prima era un rapporto di lavoro continuativo che prevedeva 5 ore al giorno per 5 giorni la settimana e poi si è ridotto a un’ORA al giorno?

la fantabiologa ringrazia il suo meraviglioso fantabarbapapà che la aiuta ancora a pagare le bollette!

Rispondi

Cara Biologa del Fantabosco degli Sfigattoli (periferia del Beverly Woods dove vivono Rolexolo e Hoganolo), come ti capisco…anche a una Interessantola di mia conoscenza è capitato due/tre volte che nell’arco di qualche giorno il lavoro GIA’ dato per buono sfumasse misteriosamente…. 🙁
Purtroppo tutto ciò è semplicemente una questione di maleducazione e malcostume degli individui in questione, che non sanno trattare con le persone e sentono di poter fare così perchè la sproporzione di potere è troppo grande!!

Rispondi