Settembre è un pò così: anche se non potevi più del mare, della spiaggia, del caldo feroce, della ferocia dei pargoli, ecco che improvvisamente l’estate è finita e con orrore realizzi che fra un pò dovrai rimetterti le scarpe chiuse. Si spera almeno in un recupero della creatività perduta, per i capelli sfibrati da mesi di salsedine ci vorrebbe un miracolo o in alternativa un  taglio radicale, ma non è il momento, questo (magari a novembre?). Settembre è anche la ripresa dei ritmi soliti, che per definizione rassicurano ma anche angosciano, se per caso hai il tempo e/o la forza di pensare che niente è cambiato rispetto a tre mesi fa, a parte il vocabolario dei nani e la loro capacità “baciatoria”. Settembre, insomma, è un pò il vero Capodanno (Cabudanni): inizia un nuovo anno, incrociamo le dita (in qusta foto ben 60).

5 comments

Rispondi

Ha ragion Sua Maestà. . .la penso come Lei! Bellissima foto!

Rispondi

Buon anno allora. 🙂

Rispondi

Quando ho visto la foto ho pensato: che nostalgia. Non ho quasi letto il post, ho solo pensato: che nostalgia…di quando da piccole scavavamo buche in quella sabbia, ignare e disinteressate del futuro. Avrei voglia di stringervi tutti in un grande abbraccio. Spero vi arrivi.

Rispondi

Sì sì, settembre è il vero capodanno…sfortunatamente :-/

Rispondi

* Patti, grazie! 🙂
* Anche a te, Ross, buon nuovo anno (ricco di cose belle si spera)
* Franci, vieni a darcelo di persona, questo abbracccione! bando agli indugi, fino a fine mese si può ancora andare al mare! 🙂
* Baol: o per fortuna…. 🙂

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.