Tutto è relativo, e già questa è una affermazione di disarmante ovvietà. Per esempio, i titoloni e le polemiche sul calciatore che perde l’aereo dal Brasile, non fa in tempo ad arrivare all’allenamento e l’allenatore incazzoso s’incazza. Oppure un altro ometto, rappresentante dell’Italia (sigh!) che normalmente fa cucù, pss pss,corna e pernacchie, e fra un pò anche pupù nelle occasioni ufficiali, minaccia neanche velatamente l’informazione, e tutti, giustamente, ci scandalizziamo, e ne parliamo, rivolgendo loro un milligrammo della nostra attenzione.
Poi succede questo: la terra trema, la Natura uccide, e nel disastro totale, aggravato dall’aver ignorato i segnali dei mesi precedenti, ci rendiamo conto che tutto è relativo, che quelli e altri “problemi” della nostra giornata sono davvero molto molto relativi, e che eventi come il terremoto dell’Abruzzo devono ridimensionare la nostra percezione del mondo.
Che non è solo fantacalcio, piove governo ladro, uomini e donne di maria e e varie cose che stanno al mondo solo perchè c’è posto, ma deve essere soprattutto solidarietà, empatia, anche solo un pensiero per chi sta vivendo una tremenda disgrazia.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.