Era Cenerentola, se non sbaglio. La poverina cantava così mentre strexiava (puliva di buona lena) il pavimento della reggia della matrignazza cattiva. Cenerentola, cioè, sperava in un futuro migliore, vedeva il bicchiere mezzo pieno, sopportava la sua condizione infelice pensando a tempi migliori, una sorta di Yes, I can. E non viveva nemmeno in Italia (sennò avrei proprio voluto vederla, a zeraccare in nero, dunque senza nemmeno poter dire di essere una casalinga e contare sulle promesse di Uolter o sui suggerimenti di Silvio).

Vabbè, sarà quel che sarà, whatever will be will be, fatto sta che la vera forza di Cenerella, a cui sarebbe bene ispirarsi, è quella dell’ottimismo, questo sconosciuto, del pensiero positivo, dell’azione: cioè di quello di cui avrei bisogno in questa giornata (sarà che è lunedì, boh).

Perché i sogni, se non sono sostenuti dalla speranza di farcela, rimangono sempre e soltanto desideri irrealizzati.

E quindi…qualche suggerimento per diventare ottimista (ieri, ad esempio, mi hanno consigliato il buddismo)?

24 comments

Rispondi

Regy, io credo che i sogni possano essere anche “ridimensionati”, quando sono fuori dalla nostra portata e, in quel caso, non si tratterà di desideri irrealizzati o di fallimenti, si tratterà di espimere la nostra personalità, la nostra indole e le nostre emozioni in modi diversi. Si può fare!
P.S. e non penso che tu abbia perso l’ottimismo:-)

Rispondi

Gianni, l’ottimismo è il profumo della vita!
Ah, non è Gianni? Devo aver sbagliato numero, scusate… 😉

Buona settimana mia Regina!

Rispondi

o ma a volte si realizzano anche !!

l’ottimismo è il profumo della vita…

Rispondi

Regina cara, sembra che gli ottimisti vivano in media di più. Però sembra che i pessimisti ci azzecchino di più nelle previsioni…

Il mio modo di diventare ottimista è leggere il tuo blog, ma non credo funzioni anche per te 😉

Rispondi

Come dice quell’aforisma:”un ottimista pensa di vivere nel migliore dei mondi possibili; un pessimista lo sa” :-))
* Cara Girà, io l’ottimismo non ce l’ho nel DNA, purtroppo, ma lo pratico con disciplina e per fortuna anche con dù risate… ;-))
quanto ai sogni, sono d’accordo:l’importante è esprimersi, in qualche modo che ci “calzi” bene 🙂

* Buona settimana, Ross-ina! (sempre detestata, quella pubblicità…)

* Ma certo, Mat, che si realizzano, e ci incoraggiano a sperare 🙂

* Ciao S.B., come dicevo sopra, cerco di praticare con disciplina,ma ogni tanto vacillo :-((
(e poi DETESTO quando c’azzecco, uffa)

Rispondi

alzati la mattina con il sorriso…

Rispondi

Eh, stigazzi, scusa Regina, ma qui si toppa già dall’inizio! Come cenerella ce la fanno tutti! Con la fata Madrina o cos’ era! Sveglia gente: Cenerella era un’aaacccozzoooola!

Rispondi

Pure io. 🙂

Rispondi

Amiciui…siamo soltanto a martedì e urgono consigli più che per l’ottimismo,per la concentrazione…sennò al sabato non ci arriverò mai!
* Grazie, Gandalf, ma proprio al mattino sorridere è un compito titanico…sono di quelle che si rianimano dopo un litro di caffè nero 😉

* Eh, Ada, sai che non c’avevo pensato? maronna, agli Accozzoli non si può sfuggire MAI! 🙂

* Ross, anche tu che? Accozzola? sorridente? buddista? stregatta? ;-))

Rispondi

Anche io ho sempre odiato quella pubblicità! 😀

Rispondi

Pessimista a rapporto!
Non credo che essere esageratamente ottimisti sia meglio, ma neanche vederla sempre catastrofica.
Perché se credi che non arriverai mai a raggiungere l’obiettivo, non inizierai neanche a camminare…
Firmato: l’imperatrice del predicare bene e del razzolare male, anzi malissimo!!!

ps: ti ho citata sul mio blog…

Rispondi

Guarda il sole e i suoi raggi ti scalderanno il volto. Assaporane il calore che si spande sulle guance. Apri gli occhi e vedrai che tutto ti sorriderà.
M.

Rispondi

Lo spot sull’ottimismo-profumo della vita è uan delle cose più demenziali mai viste, * ricordi la feroce parodia, Ross? 😀
* ciao J., grazie per la citazione…il “problema” del pessimismo è che rappresenta, appunto, un ostacolo alla camminata…quanto a predicare bene e non altrettanto razzolare, io sono la Regina del genere! 😀

* Max, grazie, io ADORO il sole e il caldo (e infatti il mio umore sta migliorando giorno dopo giorno) ;-))

Rispondi

Macché, no, niente buddismo… Un bel sorriso, e un desiderio lo trovi di sicuro…
Ti aspetto da me, se ti va…

Rispondi

La droga? (lo so, sto pessimista in questi giorni…)

Rispondi

* Naaa, Baol, la droga imbruttisce…e una esteta come me si sentirebbe peggio! 😉

* Ciao Fabio, il problema non sono i desideri, quelli abbondano…. 🙂

Rispondi

Reggy,prova con il giochino del telecomando(consigliato dopo almeno 10 ore di sonno,un buon caffè,splendida giornata di sole e musica adeguata)Metti in pause:ti fermi,respiri,e inizi a pensare al tuo presente.Senti il momento,consapevole che c’è adesso ma che tra poco sarà passato e nessuno te lo restituisce.Pensi a tutte le brutte cose che potrebbero succedere,e inizi ad apprezzare tutte le belle che hai e le persone che hai accanto.Poi metti rewind,e inizi a guardare al passato.Prima a tutte le cose tristi e frustranti che ti son capitate,ma che hai superato e ti hanno fatto diventare ciò che sei.Poi tutti i ricordi più dolci e divertenti che hai.Poi metti FFW.E secondo me saranno passate un paio d’ore ma sarai sicuramente un pò più ottimista!Fammi sapere!Baciotti! 🙂

Rispondi

ti dirò di più, la canzone dice che i sogni son desideri di felicità…una felicità che, ormai è comprovato, difficilmente si riesce ad ottenere…un pò perchè l’umanità è sempore insoddisfatta e un pò perchè ci si mettono proprio sia uolter che silvietto e tutto il carrozzone a renderci tristi e depressi…
Una soluzione? Vincere alla lotteria! Scommettiamo che un paio (ovviamente un paio alla sarda 😉 di milioni di euri ci fanno più contenti e felici?!? E di uolter e di silvio ce ne sbatteremo meno…perchè l’uomo è tanto egoista.

Rispondi

* Crazy oh Crazy, il meccanismo è sicuramente valido, però pensavo a qualcosa di più, come dire, edonistico…il moijito noo? 😉

*Ciao Coniglietta, benvenuta 🙂
vedi sopra….in mancanza della vincita miliardaria e di una improvvisa evoluzione dei candidati premier verso la civiltà, non ci resta che goderci quello che abbiamo…nello specifico, le ciambelline che m sorridono dalla cucina! 😀

Rispondi

Reggy,oh Reggy,Moijito siiiiii….pensavo che Alcol e Droghe non valessero!!!! :)))

Rispondi

il buddismo?decisione troppo estrema…quando sono giù penso sempre che non può andare sempre male, che prima o poi verrà il mio momento.Mia nonna diceva sempre un proverbio”srorta va ,dritta viene, sempre storta on può andare”!

Rispondi

Su una cosa siamo d’accordo in molti: il moijto 🙂
Ma anche quello che propone *Kekk, cioè una riflessione sull’altalena delle cose, va benissimo per riacquistare l’ottimismo…come diceva non solo la tù nonna, ma anche Ligabue: “…non si può sempre perdere/…certe luci non puoi spegnerle…” 🙂

Rispondi

ciao regy… forse non te ne sei accorta, ma ero latitante malgrè moi… una botta di jella in dose da cavallo mi ha tenuta lontano da sto blog. prima il mio notebook ha proditoriamente deciso di suicidarsi (è volato giu’ dal secretaire cn un perfetto volo ad angelo, aperto… eil monitor a cristalli liquidi ora è un’opera di arte moderna. sono riuscita a recuperare i file vitali solo ieri sera…), poi ho litigato con un uovo di cioccolato subdolamente rivestito da una glassa celeste che lo ha reso duro come un uovo di marmo, o come mi ha detto il mio prano (scommetto che ne sentivi la mancanza, eh reg?), ho addentato un uovo di fabergè, e ci ho rimesso un pezzo di premolare…
e via andando con le jelle… la morte tra atroci sofferenze dell hard disk del mio vecchio desktop, la seguente operazione a cuore aperto x ottenere da due vecchi pc uno in grado di funzionare, l’invasione di ben 67 file infetti… e varie fatiche domestiche che hanno smorzato il mio furore arredatorio…e x non annoiarti smetto… però nonostante tutto continuo a sognare e a essere “ottimista” o almeno ci provo, coll’aiuto del tai chi, su suggerimento del prano…

Rispondi

Ciao Jana,bentornata!:-) è vero, mi chiedevo se per caso tu avessi deciso di fuggire con il prano, invece, ohibò, era “solo” un pc (ovvero una tragedia!)……a proposito del prano, non è che gli chiederesti una consulenza per me sul tracciato nuragico Goni-Orroli-Serri, magnetismi di Pranu Mutteddu e Nuraghe Arrubiu?
sto pensando a una gita fra le pietre… ;-))

Rispondi