Oggi, infatti, è l’ultimo giorno di lavoro. Siamo gente di mondo e quindi, ormai, tutto ciò non dovrebbe farci alcuna impressione: però abbiate pazienza, è stato il mio primo contratto a tempo determinato (nonchè il terzo più lungo di sempre) e dovevo capire come funziona. Funziona bene, dà meno ansie del co.co boh, della prestazione occasionale, non illude come il defunto contratto di formazione lavoro, o forse sono io che funziono bene “ad orologeria”. Les jeux sont faites, alla prossima!

4 comments

Rispondi

Alla prossima cara Regina! 😀

Rispondi

Cara Regina (come dice Ale), "siamo gente di mondo … non dovrebbe farci impressione", però la tristezza è sempre la stessa, fa sempre tanto male!

Rispondi

Beh, essere a tempo non sarebbe nemmeno male se nel nostro Paese il tempo in cui non si è a tempo è poco tempo.

Rispondi

è stato un bel periodo ma ora vedere gli uffici vuoti è molto triste, vi auguro di cuore che le "ferie" non siano troppo lunghe

Rispondi