Ci voleva la Santadechè per fare di certe ovvietà uno strumento elettorale…

Daniela, la candidata premier dura e pura
Non vede il soffitto di cristallo
ma da destra parla di donne e diritti

(da L’AltraVoce del 4/03/2008)

«Per fare carriera non sono mai scesa a compromessi, non ho mai ceduto. In altre parole: non l’ho mai data». Daniela Santanchè afferma con decisione un suo principio etico, aggiungendo fiera che «…La verità è che piaccio alle donne perché sono un uomo».

Perché gli uomini notoriamente non la danno? Perché il famoso “divano” è sempre del produttore e mai della produttrice, tanto che se accade ci fanno anche un (pessimo) film come Rivelazioni? O perché – visto che in Italia la moglie assume per legge il cognome del marito e non viceversa – lei è andata oltre e il cognome del marito se l’è tenuto anche dopo il divorzio, come se fosse suo dalla nascita?

La signora, che di cognome da nubile fa Garnero, è stata infatti sposata per anni con un noto chirurgo plastico di Milano, Paolo Santanchè, di cui ha mantenuto il cognome anche dopo la fine del matrimonio, come fosse un marchio di fabbrica. Tant’è, la questione è marginale e non serve chiedersi se tale scelta rientri o meno nel «non scendere mai a compromessi».

Certo l’onorevole (?) trasecolerebbe, forse, nel sapere che siamo in tante a non averla mai data, per carriera o altro, per usare una terminologia da Bar Sport che si accompagna in maniera curiosa al suo look curatissimo, spesso esibito anche come antitesi alla sciatteria di certe donne “di sinistra”.
Il problema, bisognerebbe spiegarlo bene a questo nuovo prototipo di donna forte ed emancipata, non è la disponibilità sessuale o comunque non soltanto questa.
Il famoso “soffitto di cristallo” che blocca le carriere femminili rispetto a quelle maschili non è riducibile soltanto a una mera questione di letto, quanto a un complesso insieme di fattori culturali che tuttora favoriscono la cosiddetta “segregazione verticale”; a maggior ragione se non si hanno ex mariti famosi sul cui cognome si può fare copyright.

…(l’articolo completo è qui)

(la foto è di F.Sanna)

12 comments

Rispondi

Vabbè…ho tanti commenti in testa ma poi verrei denunciato…meglio di no :/

Rispondi

e se in realtà fosse un travestito??

Rispondi

sarebbe travestito bene però gandalf…
ora non sputare nel piatto in cui mangiavi…
ehe ehh ehhe

io credo che NESSUNO, tra tutti i politici di spicco che siano uomini o che siano donne, possa affermare di non aver avuto aiutini..

io non dico per forza “darla”…ma qualche compromesso l’avranno sicuramente fatto…

Rispondi

Non siate timidi…lo so che la Santadechè nazionale vi ispira…quasi come la banalità del “io non l’ho mai data,per carità” 🙁

* Dai, Baollino… 🙂

* Ciao Gandalf, non è un travestito, è solo bionicamente rifatta… 🙁

* Appunto, Mat, l’aiutino o la segnalazione (o il cognome del primo marito)ci sono sempre, perchè strombazzare il contrario? “…cà nisciuno è fesso…” 😉

Rispondi

la sa solo lei la verità. A volte la politica, il denaro e i mariti giusti sono hanno maggior potere del sesso….e poi se a letto non fosse un granchè?!…
un salutone

Rispondi

Forse bisognerebbe chiederle se qualcuno gliel’ha mai chiesta… 😉
Un saluto, splendida regina!

Rispondi

se amleto fosse ancora vivo, sarebbe un uomo al bivio su un altro tema. declamerebbe meditabondo: “scendere, on scendere, a compromessi?”…
del resto, niente di nuovo sotto il sole: c’è del marcio in Danimarca, reg…
mutatis mutandis (boxer, slip o parigamba…) il dilemma si ripropone. Certo, la premiera Stilettata (nel senso di calzante stilettos da 12) ha fatto una classica manovra da “mani avanti”… ai posters (elettorali, da una dozzina di metri quadrati ciascuno) l’ardua sentenza!

Rispondi

Ciao * Elle,propendo per i mariti giusti che dispongono di adeguati mezzi economici…poi per carità, alla signora va riconosciuta l’intelligenza, per quanto un filino tamarra…. 🙂

* eh, Master, infatti…dici che potrebbe essere orgoglio ferito? 😉

* ciao Luc! Se Amleto fosse vivo scapperebbe urlando, temo…. 🙂

Rispondi

Secondo me è assolutamente come la volpe e l’uva….

Rispondi

Ma perchè,qualcuno gliel’ha mai chiesta?!Sembra davvero un uomo,esteticamente parlando…ha un non sò che di inquietante!Certo che il marito non deve essere un gran chirurgo se il risulatato è questo!!!Per il resto,si sà che il suo è un mondo di compromessi.Magari darla non và più di moda,perchè raccattarla in giro non è poi così difficile,però qualche altro beneficio di certo lo si aspetta!

Rispondi

…dite queste cose perchè non avete idea di quanto l’ha data la sorella…invidiosi ;-)))

Rispondi

Che l’abbia data o no,chissenefrega…meglio darla in giro che utilizzare un cognome che non è tuo per questioni di marketing 🙁

* Uhmm, Master, non saprei…certo fa un pò impressione, come dice anche
* Crazy M. (quanto alla chirurgia, secondo me ha semplicemente esagerato, come fanno un pò tutte/i).

* ciao anonimo ;-))

Rispondi