Avviso: questo post contiene alcune ripetizioni: pubblico/a, selezione, laureati , insomma le solite cose pallose
Con due euro ci compro due caffè, più o meno; e nemmeno due biglietti del pullman della mia città, sapientemente rincarati del 20% da un giorno all’altro (siamo per la mobilità sostenibile, bellezza!). Potrei comprarci anche due numeri di Vanity  Fair, oppure un chilo e mezzo di clementine senza semi, all’incirca. Oppure potrei guadagnarli svolgendo un lavoro a cottimo per un istituto di ricerca pubblico, essendo stata pescata da apposita graduatoria nella quale ho diritto di stare avendo superato una selezione pubblica ed essendo laureata (il dettaglio non è di scarsa importanza: con la nuova normativa solo i laureati possono svolgere lavori di una certa importanza come questo). I due euro non sono la tariffa oraria, ma il corrispettivo pagato per ogni oggetto (della ricerca) rilevato, compreso il lavoro sul campo, il contatto con il pubblico e il lavoro informatico post raccolta dati.
Dimenticavo: i due euro sono lordi, con un bel co.pro si arriva a una ritenuta del 20 per cento circa. Alla manifestazione di perplessità mia e di altri laureati che hanno passato una selezione pubblica, la risposta di una impiegata pubblica di suddetto istituto di ricerca ha sospirato: “eh, ma le tasse le dobbiamo pagare tutti!“.

A voi i commenti: io non ne posso più.

Inoltre vi consiglio di leggere...

4 comments

Rispondi

Madry, ma che devo commentare? Per commentare bene, bene, bene, avrei bisogno di un lanciafiamme, pacatamente.

Rispondi

Viene da vomitare

Rispondi

..potevano anche dirti che due euro sono meglio di uno, almeno sono (quasi) stati educati. Per il resto, è impossibile commentare educatamente.
No Blogger

Rispondi

e il bello (si fa per dire) è che (sempre per due euro) il lavoro in questione era stato presentato diversamente…..e che bisogna essere laureati…ohi…
a questo punto la domanda è una sola: meglio non cercarlo nemmeno, il lavoro? O_O

Rispondi