La Rete e i social continuano ad essere un mare magnum interessante e ancora poco esplorato. Io lo considero il paradiso dei sociologi, un punto di osservazione socio-antropologico privilegiato, ma può anche diventare un business o un nuovo modo di fare informazione.
Ne parliamo mercoledi alle h.20 su Radio X (96.8, anche streaming e podcast), per la nuova puntata de La Versione di Madry, la seconda dedicata ai social network (la prima è qui).
Insieme a me, il giornalista e blogger Davide Cabras (il suo sito è nonmiricordo.com) e il giornalista e fondatore del portale di infotainment  YOUng Germano Milite.
Stay tuned!

                                                               *************
Diciassette milioni di italiani su Facebook Ma sanno usarlo? E perché Fb è usato in maniera più “massiva” di quanto avviene, per esempio, con Twitter? Faccio delle ipotesi, che ovviamente discendono dalla mia esperienza personale di utilizzo: Facebook è più adatto per gli italiani perché è una roba da “spiegoni”
Cioè si può scrivere senza il limite dei 140 caratteri, che ti obbligano ad essere, sostanzialmente, un battutaro efficace o a dover fare davvero informazione (nel senso delle notizie), producendola (ad esempio con i livetweet) o inoltrandola (quindi sacrificando per un momento l’ego. Questa è un meccanismo tipico di Twitter, percepito meno in Facebook).
E sarà una mia impressione, ma a noi italiani scrivere ci piace assai: siamo tutti più o meno allenatori della Nazionale, esperti di antiterrorismo, chiacchieroni inside (anche in circoli ristretti, per esempio gli utenti attivi italiani del noioso WhatsApp sono il 56%, i giovanissimi arrivano all’ 81%).

I meccanismi di Facebook sono quelli per cui i contenuti a pagamento vengono visualizzati di più e meglio degli altri. Da qui la convinzione, che sta diventando sostrato culturale vero e proprio, che la “viralità” e la “visibilità” siano elementi di valore. Ma se questa visibilità la stiamo acquisendo a pagamento, o con una strategia commerciale che prevede anche l’uso della monnezza (in che senso monnezza? Leggi qui un simpatico esempio!) per attirare “click” e quindi potenziali inserzionisti pubblicitari attirati dal numero di accessi (il cosiddetto “click baiting”), non è un “valore” un po’ taroccato?

E vogliamo fare un pò attenzione alla roba su cui clicchiamo, ricordandoci magari che gli strilli “condividi se anche tu…”, “incredibile! Sapete cosa è successo a…”,fai girare!11!” non cambieranno il mondo, non elimineranno la violenza sulle donne o gli stipendi d’oro dei parlamentari ma semplicemente porteranno soldi a quel sito se ne apriamo il link?

Abbiamo compreso che quello che pubblichiamo definisce la nostra immagine pubblica? Perché i social sono pubblici, eh. E’ un po’ come stare in una piazza, e non mi riferisco solo alle foto in bikini (su cui peraltro io vado molto cauta, trattenendo il respiro durante lo scatto e simili), ma anche ai contenuti scritti, i video, i link. Ora c’è pure il motore di ricerca interno di Facebook, che andrà a scandagliare perfino il passato remoto di ognuno semplicemente ricercando una parola. Il social quindi non è più solo comunità, ma anche eternità. (con me non fatelo, sono di una pesantezza unica con quelle storie del femminismo e degli orecchini, poi libri e bambini, identità e culturame vario. Non fatelo: quella foto in bikini non vale lo sforzo).

E le bufale? Eddai, ma vi sembrano robe plausibili nomi tipo corrieredelcorsaro o altervista.org, o siamo la gente?! Cioè, almeno Lercio.it fa ridere sul serio! E se non vi sembrano plausibili o non siete sicuri, perché continuare a condividerli?

E se 28 milioni di italiani sono in Rete (dati Audiweb del giugno 2014) e 17 milioni di italiani usano quotidianamente sui social, immagino soprattutto a scopo “ludico”, che fanno quei milioni che invece stanno fuori dalla Rete? Continuano, in qualche caso, a fare una inutile morale (ma sei sempre su FB!, smettila di chattare. Ehm. Urge alfabetizzazione, e qualcuno ci sta provando), oppure trovano Internet non interessante (28,7%), non ne sanno nulla (27,9%) o ammettono di non saperlo usare (27,3%); c’è chi lo trova inutile (23,5%) e chi dice di non avere gli strumenti tecnici (14,3%); i restanti, pochi, lamentano i costi troppo alti o la paura per la privacy (dati Istat).  
E voi, come siete messi? 


 


Inoltre vi consiglio di leggere...

Rispondi