Tutto è utile. Due o tre cose che ho imparato sulla fragilità

Ci sono giorni in cui le cose – gli oggetti, intendo- hanno un aspetto diverso. La lampada Tiffany sul mobile dell’ingresso è sempre bellissima ma non mi trasmette più niente, non mi interessa. Quasi non la capisco; sto pensando ad altro. Il ficus nell’angolo si ostina a non morire anche se non gli do manco … Leggi tutto

Il lavoro è morto, viva il lavoro (ma solo a Sanremo)!

Gira in Rete la lettera di un giovane uomo che prima di togliersi la vita ha spiegato il perché con un tremendo atto d’accusa verso una società, quella italiana, che mortifica le speranze e sottrae il diritto al futuro (perché lo è, un diritto), che si pratica concretamente soprattutto attraverso il lavoro. E se il … Leggi tutto

10 parole per il nuovo anno

E tanti auguri a tutte e a tutti. 1. Leggerezza:  L’ha spiegato Calvino, e già questo basterebbe. Anche se è la seconda parola più abusata di sempre dopo “resilienza”, conserva il suo valore assoluto, invincibile, preziosissimo: “…non è superficialità ma planare sulle cose dall’alto, senza macigni sul cuore”. Difficilino, però. E allora c’è la sua … Leggi tutto

La #paranoia è una virtù (minicorso in tre puntate su sicurezza e privacy)

[cose di lavoro] Il mini-corso in tre puntate su autodifesa digitale e privacy è stato organizzato dalle associazioni Marina Cafè Noir e Luna Scarlatta. Trovate i post singoli su lunascarlatta.it 1. Se fosse un hashtag potrebbe essere #panico, o più ragionevolmente #consapevolezza. Il corretto uso del digitale passa infatti per la sua conoscenza, dagli aspetti … Leggi tutto

Donne nei talk, convegni, saloni e salotti: la forma e la sostanza

La notizia non è tanto che ci fossero poche donne. La notizia è che questo ha fatto notizia, ed è già qualcosa. Sinnova, il Salone dell’Innovazione che si svolge in questi giorni a Cagliari, è stato ieri al centro delle polemiche per la scarsa presenza femminile negli incontri. Il caso è montato dopo il tweet … Leggi tutto

Eccolo, bellino bellino. Mai più senza L’Ottimista dilettante!

Senti, ma…era proprio necessario un sito nuovo, tutto tuo? Cioè una roba seria, con l’archivio e il “chi sono”, come se non lo sapessero già, i tuoi cinque lettori, chi sei? Li perseguiti da molto tempo, precisamente dal 2007, col quel piccolo blog dal nome sobrio, Madrigopolis… [no, non sento le voci, o almeno non … Leggi tutto