Piccolissimo alfabeto sentimentale: W come Who? («Chi?»), What? («Cosa?»), When? («Quando?»), Where? («Dove?»), Why? («Perché?»)

La cosiddetta “regola delle 5 W” è un pilastro dello stile giornalistico anglosassone, ma è utilissima anche per noi italiani. Per chi deve scrivere? Ma no, ovviamente (anche se tutti, ehm, proprio tutti gli italiani vogliono farlo, chissà perché). E’ una sfilza di domande cosmiche, impegnative, proprio quelle robe lì, che nessuno ne ha voglia: perché … Leggi tutto

Piccolissimo alfabeto sentimentale: X come X file(s)

Quel poster, quella scritta: “voglio crederci”. Voglio cioè considerare seriamente la possibilità che ci siano forme di vita diverse dalla nostra, nell’Universo. E ci sono, eh: persone meravigliose di cui non sospettavamo l’esistenza si materializzano o improvvisamente si rivelano, e anche esseri orribili che da quanto sono “al contrario” rispetto ai comuni valori umani ci … Leggi tutto

Piccolissimo alfabeto sentimentale: Z come zitto/a

‘Enjoy the silence’, ma anche ‘the sound of silence’: le canzoni più belle cercano da decenni di fregarci, convincendoci che stare zitti è sempre cosa buona e giusta. [Però vorrei far notare che cose tipo “hello darkness my old friend” non è che siano poi questa allegria vivificante, eh.] E in un certo senso è … Leggi tutto

Piccolissimo alfabeto sentimentale: V come Vicinanza

“Avevi altro da fare? O sei uscita apposta per vedere me?”. Lo stupore del mio interlocutore indica la scarsa pratica della nobile arte della vicinanza. Cioè il voler stare con gli altri (non tutti), per parlarci e guardarli e farsi guardare, dimenticando per un attimo la nostra agenda coosì piena, manco fossimo la prossima presidente … Leggi tutto

Piccolissimo alfabeto sentimentale: U come urgenza

Presto, anzi subito, possibilmente ora: i sentimenti non sanno aspettare, portano un orologio sincronizzato sull’ora sbagliata e lo controllano ogni trenta secondi. L’urgenza è il tempo che non riconosciamo più, il respiro accelerato ma comunque è anche il caldo eh, uno scherzo beffardo per cui una settimana sembra un mese e un mese qualcosa a … Leggi tutto

Piccolissimo alfabeto sentimentale: T come terra!

È l’urlo del marinaio quando avvista la terraferma dopo mesi di navigazione in acque agitate, è la materia che ci si sbriciola in mano per poi ricompattarsi con il lavoro e l’impegno. La terra è la solidità e la rappresentazione plastica della vita: esistiamo perché vi poggiamo i piedi sopra, ci nutriamo da lei, e … Leggi tutto