Ieri sera ho visto Bellas Mariposas di Salvatore Mereu, il film di cui parliamo tutti in Sardegna, come non succedeva da molto tempo. Forse perché abbiamo voglia di  vederci dall’esterno, o perché il racconto di Sergio Atzeni è così poetico e straordinario che la sua traduzione in immagini rappresentava una sfida assai ardua. 

Il regista l’ha raccolta,e  tutto sommato il risultato è buono, a patto che si considerino le due opere come cose diverse tra loro. Chi non ha letto Atzeni, infatti, ha dato un giudizio positivo del film, senza fare tutte le pinnicche che venivano in mente a me, che ho molto amato le Bellas e il modoin cui Atzeni le racconta. Il fatto che il film sia il più visto in sala forse significa, ancora una volta, che siamo in tanti a voler parlare di noi, di come siamo fatti, di come vediamo il mondo: sarà mica anche questa l’identità? 
Agli altri italiani consiglio caldamente la visione, perché sia il libro che il film vengono ben prima di Acciaio, il libro di Silvia Avallone che riprende anche lei il tema dell’amicizia femminile più forte di tutto e della periferia, e poi perché di poesia ce n’è sempre bisogno.
La prima parte del film è la più riuscita: bellissimo il monologo della ragazzina direttamente “in camera”, bellissima lei in mezzo a una realtà cruda e senza sconti. A questo proposito, uno dei protagonisti più efficaci del film è proprio il quartiere in cui è ambientato: S.Elia, un classico esempio di architettura criminale.
La vita è così, sembrava dire il racconto e anche il viso di bambina della giovanissima attrice esordiente, ma per me sarà diverso. Lo spettatore (la spettatrice) si emoziona: quanto vorrei che lo fosse davvero, piccola. Anche gli altri personaggi sono riusciti, soprattutto i genitori di Cate, anche se non è l’aderenza alla realtà che va cercata in Bellas Mariposas, quanto piuttosto la traccia poetica dentro i personaggi (penso alla vicina di casa, alla ragazzina sventata che si apparta nel pullman con tutti, ecc.). 
E’ proprio la ricerca del realismo che forse ha portato al principale errore del film, cioè cercare di ricreare una sorta di “neorealismo” più vero del vero, anche nei dialoghi. Forse è per questo che mi è sembrato stonato il modo di parlare di alcuni protagonisti. Nella vita reale, anche io come, penso, gli altri cagliaritani, utilizziamo espressioni e singoli vocaboli in sardo, di solito parlando prevalentemente in italiano. Nel film, però, gli attori utilizzano frasi e le esclamazioni in sardo senza spontaneità: ma itta c’intrada “m’indi futtu” per dire “me ne frego”? i giovanissimi parlano così? Oppure “folaga”, termine che era forse attuale quando il racconto è stato scritto, ma oggi? (attendo eventuali precisazioni sull’attualità dei vocaboli, ma la sensazione di forzatura nell’ascoltarli rimane). 
Le due amiche-sorelle di Mereu vagano per una città assolata, forse ripresa un po’ troppo in fretta, e con una tenerezza che stringe il cuore rimandano il momento di tornare a casa, nel quartiere-ghetto di Santa Lamenera/S.Elia.
Tutto potrebbe succedere, e infatti qualcosa succede: in maniera un po’ sbrigativa, ma è il difetto dei film, che non riesce a “collocare” l’arrivo tempestivo della “maga” interpretata da Micaela Ramazzotti (ancora una volta, perchè parla così? In una periferia romana sembrerebbe naturale una parlata, per dire, veneziana?).
Però, a parte le mie che sono delle pinnicche, il film è bello e coraggioso nel cimentarsi in una impresa difficile: per cominciare con Atzeni, però, sarebbe forse stato meglio Il quinto passo è l’addio
Intanto Bellas Mariposas, anche se imperfetto, ha il grande merito di rendere visibile a tutti il bisogno che abbiamo di pensare e parlare di noi: non solo i sardi (le belle farfalle sono dappertutto, e sono una specie in grave pericolo), ma tutti quelli che vivono la realtà, fatta anche (e non solo) della periferia, la povertà, il degrado, il riscatto, la disperata voglia di vivere, e volare.

(l’illustrazione è di Gianluca Marras)

1 Commento

Rispondi

Non l'ho ancora visto il film, ma sono un cultore di Atzeni, io, quindi il racconto l'ho amato come ho fatto con tutto il resto di questo piccolo grande uomo.
L'unica cosa che mi da cruccio, è il fatto che tantissime persone andranno al cinema, diranno "che bel film", ma non avranno la benché minima idea della mente che ha partorito il tutto.
Atzeni è da riscoprire, rivalutare, far conoscere alla gente. Un po' come tutta quanta la letteratura sarda, snobbata dalle masse.
Appena vedrò il film darò il mio parere 🙂

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.