Parlare davanti a una platea, intrattenere pubbliche relazioni, apparire -talvolta essere- consapevoli di sé e del mondo intorno, padroni dei nostri argomenti, preparati serenamente al contraddittorio: c’è chi ci nasce, così, chi ci diventa con la pratica e chi sa già che sarà eternamente a disagio. Un po’ è il panico della gente, un po’ l’ansia della prestazione. Non saprei dire se è peggio parlare davanti a una folla che va e viene o a poche persone che per forza di cose ti ascoltano, se è peggio l’attacco all’autostima nel vedere gli spettatori che talvolta comprensibilmente chiacchierano o l’aspettare le domande che inevitabilmente verranno. Dura la vita dell’oratore, soprattutto se è praticamente la prima volta e ci infila pure qualche papera… roba da nulla, tipo scambiare le sigle di due movimenti politici simili ma diversi (saranno permalosi questi politici?) o sostituire una parola con imprevedibili effetti (se nel nome “Sinistra Democratica” sostituisci “sinistra” con “Sardegna” è proprio inequivocabile che hai in mente solo e sempre la tua isola, e suona pure bene).
Eppure si fa, nonostante l’ansia da prestazione di cui sopra. E devo ammettere che il panico dura pochi minuti, quelli dell’inizio, poi perfino io mi scaldo, un pò come un diesel. Sarà che forse anche io sto imparando ad indossare una maschera dell’astrazione da me stessa per dire non tanto la verità, quanto anche le cose importanti? O sarà il mio spirito un po’ kamikaze?

Inoltre vi consiglio di leggere...

2 comments

Rispondi

OhMadry, ma devo cambiare il tuo link nei miei preferiti? Ciaoooooooooo

Rispondi

Regina carissima,
condivido quanto da vossìa sostenuto in merito all’ansia da prestazione. Anche io, come Sua Maestà, mi diletto talvolta nel parlar in pubblico per seminari e convegni e devo dire che all’inizio sento il cuore battere a mille, poi però parte in quarta e non mi si ferma più. Forse, unico handicap, l’ansia sotteranea mi spinge ad alzare troppo la voce, e quindi finisce che nella pratica urlo così tanto senza accorgermene che di solito mi tolgono il microfono emi fanno parlare senza 🙂
Sua maestà ci faccia sapere se i sudditi affezionati hanno da porre in essere un mutamento del link verso il Suo regno.
Vivissimi comolimenti per la scelta di impaginazione di codesto nuovo regno.
Cordiali saluti.

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.