Seconda puntata (la prima è QUI) del Bignamino tutto personale di cose da salvare in caso di catastrofe, quella che molti di noi stanno vivendo e quella che potrebbe, forse, arrivare.

Tempo e silenzio
vabbè, sono due cose in una. Se abbinate funzionano benissimo, anche perché la seconda (il silenzio) ha comunque bisogno del primo (il tempo). Se non stiamo lavorando, il tempo ce l’abbiamo, spesso pure troppo. Usiamolo per fare quello che ci piace, anche da soli. Non è in contrasto con la necessità di (buone) relazioni, ma è vero che solo stando da soli si crea silenzio e il cervello si riposa.

Lettura
Fondamentale salvavita. Leggete, leggiamo quello che ci pare. perché è estate, perché i classici russi li abbiamo già macinati o abbiamo tentato di farlo ed è anche colpa loro se adesso siamo in questa situazione, perché nel paese della terza media anche gli scimprori vanno bene, tanto gli editor li hanno ripassati e almeno i congiuntivi sono a posto. Però fateveli prestare e quei 10 euro usateli per l’edizione economica di un classicone.
 
Realismo (e realpolitik)
A quarant’anni  difficilmente impareremo a suonare il violino, e anche la tonicità dell’interno coscia è seriamente compromessa (come mi disse l’estetista “è la parte più difficile da riprendere”. Quando scappa, scappa). Questo significa che gli obiettivi che vogliamo porci- o il galleggiamento stesso, in questi tempi difficili- devono essere realistici e tenere conto della situazione contingente. All’amarezza di chi dice “sarebbe stato meglio fare l’estetista o il meccanico” rispondo che sì, è vero: sarebbe stato meglio. Ma volevamofarlo? E possiamo farlo adesso, dopo una vita trascorsa a fare altro? All’opposto, è realistico pensare che verranno tempi migliori per fare il visual artist, il giornalista o l’attore?
Quindi cerchiamo, per favore, di sviluppare un po’ di pragmatismo, questo sconosciuto, nella ricerca del piano B.
Ironia e autoironia
C’è grossa crisi, d’accordo. Però non siamo morti. In quanto vivi, abbiamo la possibilità e quasi il dovere morale di sorridere di noi, e degli altri. L’ironia di solito è congenita e difficilmente si impara; e nonostante i tempi difficili che viviamo, che stroncherebbero la vitalità di chiunque, mi sembra importante mantenere sempre uno sguardo divertito (e quindi divertente) sulla vita.


Piaceri (piccolissimi)
La mia generazione, con gli stipendi ondivaghi o assenti, ha poco da scialare: se si ha famiglia, poi, nemmeno a parlarne. Però i piaceri piccoli piccoli consolano, distendono il cervello affaticato (dal continuo pensiero del lavoro, di solito). Quindi: un caffè al bar, ascoltare la radio in macchina, andare al mare invece di (fare qualche altra cosa di non fondamentale), ecc., aiutano. Almeno un momento
🙂

Inoltre vi consiglio di leggere...

1 Commento

Rispondi

Grandiosa.Sviluppare il pensiero(non necessariamente 100% positivo, perchè la tristezza è un diritto), per mantenere la mente attiva. Anche in tempi di crisi.Grazie. Leggerti è stato bello. JB

Rispondi