Il tempo si è un po’ rimesso al bello, menomale; da brava sarda turisticizzata sono contenta, perché tanto sole = tanto mare. E basta. D’altronde, in Sardegna si viene per il mare, per cosa sennò? Il turista italiano medio, ahimè, pensa questo, e lungi dal cercare di fargli cambiare idea, lo si accontenta. Alla sarda però. Quindi, vai con prezzi da rapina e trattamenti da spennatura di polli per una casa in affitto o una cena in pizzeria: si parla di 1200 euro per una settimana a Villasimius, con servizi per il turista pari a quelli della banchisa polare: cioè zero. Ora, se non siamo impazziti, poco ci manca. Però io non credo molto alle pazzie improvvise, alle squallide furbate sì. Anche a quelle di chi si straccia le vesti contro la cosiddetta “tassa sul lusso”, ammorbandoci con il balletto delle cifre che dimostrerebbero un calo dell’afflusso turistico, e finge di non vedere le vere ragioni della prossima desertificazione economico-sociale della Sardegna. Atteggiamento predatorio degli indigeni verso il turista, perché si sa, devono pur compensare in qualche modo il fatto di non potere cementificare a un metro dal bagnasciuga; concorsi pubblici farlocchi e settore privato lottizzato dalla politica mentre l’emorragia dei giovani che emigrano sta raggiungendo i livelli degli anni 60; e in questi giorni l’argomento principale sui media locali è forse la disoccupazione o le ultime aziende che hanno eseguito licenziamenti collettivi (anche se, giova ricordarlo, è evidentissimo che non tutti i lavoratori sono uguali, quindi non ci si spende in misura uguale per loro, pare)? O magari si parla del fatto che siamo la regione italiana con il più basso numero di figli per donna? Macchè: a tenere banco e audience è l’autocandidatura del nostro governatore a leader del PD in Sardegna, oltre che alla guida della coalizione di centro-sinistra delle prossime elezioni (e perché non all’amministrazione di condominio del mio palazzo?).
Cercate di capirmi: da brava sarda, sono testarda e un po’ incazzosa (così raccontano le leggende metropolitane), ancora di più quando sento che in Sardegna può capitare di pagare 28 euro a testa in pizzeria. Quando nella graduatoria del concorso pubblico ci sono i soliti noti: ormai, è meglio informarsi prima se c’è l’Accozzolo, così non sprechi i soldi della raccomandata. Ancora, mi viene un diavolo per ricciolo quando vedo che gli stabilimenti balneari sono aumentati rispetto all’estate scorsa, e certo le autorizzazioni non crescono sugli alberi. Quando una birra da 33 cl. costa, nell’unico chioschetto della spiaggia, 3 euro, e un pacchetto di patatine che normalmente ne costa 1, 70 arriva a 3 euro pure lui. Il ghiacciolo mi ha ghiacciata: da 1 euro a 1,50, e credo fosse il meno maggiorato. La saggezza popolare afferma che “l’asino sardo lo freghi una volta e basta”: ma se continuano a trattarci, sardi e no, come tali, andremo a ragliare da qualche altra parte.

(la foto è di G.Tinti)

Inoltre vi consiglio di leggere...

9 comments

Rispondi

Posso riciclare il post cambiando “Sardegna” con “Firenze” ? Perchè da noi è uguale .. O_o

Rispondi

Mannaggia li spennate per benino eh? E bravi! Vabbè dai, i milanesi se lo meritano.
Naturalmente il fatto che nella mia magione sia apparsa una foto che mi ritrae con una corona non significa che io mi appelli a re.. mai e poi mai io potrei, che già provo sommo sollazzo nell’esser suo fedele vassallo e giammai aspirerei ad altro.
Cordiali e cordialissimi saluti (e pure la riverenza se me lo concedete…)

Rispondi

ciao carissima. Non ti preoccupare, tutto il mondo è paese. Lì da voi c’è un mare splendido, siete famosi per quello quindi logico che sfruttate il momento, credimi che anche la Liguria è caruccia anche se il mare non è bellissimo come da voi. I prezzi nel periodo estivo lievitano ovunque…il problema è che anche i residenti ne pagano le conseguenze 🙁

Rispondi

Ieri un aperitivo a Pula (costa sud) ci è costanto 30 euro per 4 persone. Peccato che ci abbiano portato solo, e dietro richiesta, due scodelline di olive. Stop. Ma per carità ragazzi….

S.B:: ricicla, ricicla….le ruberie sono ovunque, mannaggia! 🙁

Antonio, ma certamente puoi fare la riverenza…e comunque la corrona stava benissimo su quel faccino compassato ;-))

Alle, bentornata! quello che mi innervosisce non è la lievitazione estiva, ma proprio l’atteggiamento spennatorio…

Rispondi

Asino è chi l’asino fa.

Rispondi

capisco quando parli dell’atteggiamento spennatorio…condivido. Si tratta appunto come dici tu di poca intelligenza. Il turismo così scappa, diciamo che è proprio una politica di marketing sbagliata 😉
Succede lo stesso in Liguria da anni, dicono: “tanto la gente torna lo stesso…c’è il mare” mica vero!

Rispondi

Ohi!ormai la beceraggine predatoria dei miei conterranei mi ossessiona, vago per le spiagge bianche alla ricerca di chioschetti che non mi spennino…la corona pesa un pò con questo caldo 😉 ….

* Assassino, e le mezze stagioni che non ci sono più allora? 🙂

* Elle, è proprio vero, anche qui la frase ricorrente è “tanto tornano lo stesso”….mica vero, vanno a Sharm El Sheik! 🙁

Rispondi

28 euro a testa in pizzeria?! Oddio, avrei fatto un casino assurdo O_o

Rispondi

Io volevo fare un casino assurdo, e slegare i molossi, per i 30 euro di aperitivo in 4….con due vasetti di noccioline per miracolo!!!

Rispondi