Eppure anche i poeti sbagliano, per quanto ci possa sembrare assurdo. E’ luglio il mese più crudele, non aprile: Thomas S. Eliot [Aprile è il più crudele dei mesi, genera / Lillà da terra morta, confondendo / Memoria e desiderio, risvegliando / Le radici sopite con la pioggia della primavera] non conosceva, con tutta evidenza, l’estate … Leggi tutto

Ci sono giorni in cui le cose – gli oggetti, intendo- hanno un aspetto diverso. La lampada Tiffany sul mobile dell’ingresso è sempre bellissima ma non mi trasmette più niente, non mi interessa. Quasi non la capisco; sto pensando ad altro. Il ficus nell’angolo si ostina a non morire anche se non gli do manco … Leggi tutto

Domani è l’otto marzo. E’ previsto in tutta Italia uno “sciopero femminista” (respirate normalmente. Non è contagioso, purtroppo), e di per sé mi sembra una buona cosa, se non altro perché rappresenta una alternativa alle mimose e in generale ai fiori che sarebbero belli tutto l’anno e invece. Lo scorso anno non ho partecipato, anche … Leggi tutto

Camminare è sempre la risposta. Anche se piove un po’, alla radio hai sentito che l’umidità percepita è molto alta e come tutte le altre volte ti sei chiesto cosa significa. E’ un pensiero pigro, leggero, che subito svanisce; era lì un attimo prima, insieme a tutte le altre cose da fare durante la giornata, … Leggi tutto

E’ San Valentino, criticità massima. Ormai l’abbiamo capito tutti che è una festa commerciale e bla bla, che serve solo ai ristoratori e ai produttori di cioccolatini e fioristi e bla bla, che l’amore si festeggia ogni giorno e le ricorrenze non servono, e bla bla. Tutto vero eh, per carità: sospetto però che c’entri … Leggi tutto

L’articolo de “Le Monde” in cui Catherine Deneuve e altre 99 donne affermano che la “libertà di importunare” è necessaria alla libertà sessuale è molto interessante. Partendo da una avversione dichiarata al movimento #MeToo, che è diventato virale – ma anche molto reale, visto che dopo il caso Weinstein ha fatto emergere una serie di … Leggi tutto